1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120
1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Piccoli Annunci
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
 
notizia del 12/05/2011 - messa in rete alle ore 13:21:21
GELA, giovane donna arrestata in carcere per truffa e millantato credito

I Carabinieri del Reparto Territoriale di Gela hanno notificato un'ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere a Veronica Lavore (nella foto), 33enne di Gela, già ristretta per altra causa presso la Casa Circondariale di ENNA, poiché responsabile anche di ulteriori e gravi episodi di millantato credito e truffa aggravata continuata accertati dai militari della Stazione Carabinieri di Gela.

Il provvedimento è stato emesso dal Gip presso il Tribunale di Gela su richiesta della Procura della Repubblica di Gela, che ha coordinato l'intera attività di indagine.
Altri quattro gli episodi accertati nei quali Veronica Lavore, nei primi mesi del 2011, millantando conoscenze presso pubblici uffici e funzionari, con artifizi e raggiri, ha indotto le sue vittime a consegnare somme di denaro, cagionando non pochi danni patrimoniali, al fine di agevolare la risoluzione di pratiche amministrative o di procurare biglietti aerei a prezzi inferiori a quelli di mercato.

In due distinti episodi, infatti, la Lavore, con artifizi e raggiri consistiti nel rappresentare di dover risolvere con urgenza dei problemi di tipo finanziario presso l'Ufficio delle Entrate di Gela induceva in errore le vittime facendosi consegnare somme di denaro per un valore di 300 euro e beni alimentari per altri 300 euro.

In un'altra circostanza, prospettando di essere in grado di procurare biglietti aerei a prezzi inferiori e promettendo finti rimborsi dalle compagnie aeree, induceva un'altra vittima a farsi consegnare i dati della carta di credito dalla quale prelevava somme ammontanti a circa 13.000 euro.

Alla Lavre, infine, è stato contestato anche il delitto di calunnia per aver presentato denuncia presso i Carabinieri nei confronti di una delle persone che l'avevano denunciata, pur sapendola innocente.

La Lavore, raggiunta dall'odierno provvedimento in carcere, si trovava già ristretta proprio perché tratta in arresto dai Carabinieri di Gela lo scorso 4 febbraio, in quanto responsabile di numerosi comportamenti tenuti dalla stessa nei confronti di un considerevole numero di persone alle quali era nota o si presentava talora collaboratrice di personaggi politici e pubblici o, comunque, quale persona con aderenze e conoscenze tali da consentirle di poter ottenere trattamenti economici privilegiati, soluzioni di problematiche di vario genere e, perfino, posti di lavoro per costoro o per i loro familiari.
(Fonte: Comando Reparto Territoriale Carabinieri di Gela)
 
Autore: Redazione Corriere di Gela
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
 
㯰yright 2003 - 2020 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120