1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il Gela si é di nuovo complicato da vita
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 29/04/2004 messa in rete alle 09:42:29

Il Gela si é di nuovo complicato da vita

Destinati a soffrire fino all’ultimo minuto della stagione regolare. Tale risulta essere la conseguenza generata dalla brutta sconfitta subita dal Gela nel derby, dove gli uomini d’Ugolotti, raccogliendo quantomeno un pari, avrebbero potuto evitare il pathos che accompagnerà la tifoseria giallo-rossa nelle ultime tre gare di campionato. Giardina e compagni, a dire il vero, non meritavano più di tanto la battuta d’arresto, avendo gestito per larghi tratti dell’incontro il possesso-palla e manifestando nel complesso una notevole supremazia territoriale rispetto all’Igea Virtus.
Un risultato finale di parità avrebbe rispecchiato ottimamente l’andamento della gara, ma è doveroso ammettere che gli uomini di Di Somma non hanno rubato nulla poiché, dopo un primo tempo opaco, in avvio di ripresa hanno colpito il Gela per poi controllare senza grossi patemi d’animo il vantaggio acquisito. Onore ai vincitori, pertanto, ma rimane il rammarico per una sconfitta che i giocatori gelesi potevano evitare.
Ugolotti purtroppo è stato tradito dagli elementi più rappresentativi dell’undici titolare, in altre parole da coloro che, durante la gara, avrebbero dovuto invogliare i più giovani ad affrontare il derby con la giusta determinazione. Sull’indecente terreno di gioco, invece, le parti si sono invertite e sono stati i vari Pintori, Giardina e Quintoni a tentare delle azioni pericolose vanificate dai senatori della squadra. Inoltre sono emersi nitidamente tutti i limiti tecnici della compagine gelese, più volte offuscati nell’arco della stagione da un elevata concentrazione e grinta profusa in campo che, per l’appunto, si è rivelata latitante in occasione del derby. L’attacco, soprattutto, non ha prodotto nulla di buono, e le sporadiche occasioni propiziate dai centrocampisti giallo-rossi sono state puntualmente vanificate da Semplice (foto) e Corona, confermando i loro limiti sul piano della concretezza. Assorbito il duro colpo, per la squadra gelese non rimane che rimboccarsi le maniche, e, seppur consapevoli che oramai è divenuta decisiva ai fini della salvezza la gara interna con il Rutigliano, non va trascurata la trasferta d’Andria, in quanto è possibile strappare il pari in Puglia.
Regna l’ottimismo in casa giallo-rossa sull’esito di tale incontro, poiché per De Carlo e compagni risulta più facile bloccare, lontano dalle mura amiche, formazioni in lotta per i play-off quali Giugliano, Melfi, etc. anziché club che ambiscono alla salvezza scendendo in campo con l’acqua alla gola. L’unica antagonista del Gela per quanto concerne il quint’ultimo posto sembra essere il Castel di Sangro, aspetto in parte rassicurante poiché gli abruzzesi, peraltro allenati dal giocatore Carannante nelle ultime due settimane (con due successi), appaiono comunque discontinui e difficilmente in grado di evitare i play-out a scapito della formazione d’Ugolotti.
E domani i sostenitori gelesi faranno il tifo per la Palmese, sperando che blocchino il Rutigliano di modo che i pugliesi, quando renderanno visita al Gela, potrebbero scendere in campo rassegnati alla retrocessione diretta nei dilettanti favorendo magari il successo dei padroni di casa.
Ad Andria è probabile che Ugolotti effettui qualche modifica nell’undici titolare, soprattutto dal centrocampo in su. Ritorna l’indispensabile Izzo, probabilmente al fianco di Giardina e Formisano, e si presume il rilancio di Merito al posto di un Catalucci apparso cotto nel derby. Dubbi in avanti: Corona rischia la panchina, e in tal caso non è da escludere un utilizzo a sorpresa di Dell’Orzo. La Fidelis Andria, allenata da Papagni, non ha ripetuto nel girone di ritorno l’ottimo rendimento manifestato nella prima metà stagionale, ma, nonostante tutto, occupa il quinto posto, e punterà sulla forza offensiva di Di Corcia, Soares e Lanotte per incamerare tre punti indispensabili in relazione all’obiettivo dei play-off.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120