1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Primavera Siciliana invita alla moderazione
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 23/04/2004 messa in rete alle 09:17:07
Primavera Siciliana invita alla moderazione

Mentre il sindaco Crocetta va in missione in Tunisia probabilmente per far decantare i toni accesi che si registrano nei partiti della coalizione di centro sinistra, si aggiunge una nuova voce nel dibattito politico. Una voce che punta alla moderazione e che chiede ai partiti di guardare con più serenità ai problemi della città mettendo da parte personalismi invitandoli a sedere tutti attorno ad un tavolo assieme al sindaco per giungere al rilancio dell’azione amministrativa. Si tratta del dottor Crocifisso Morinello, uomo di punta di Primavera Siciliana che tra l’altro esprime un assessore in seno alla giunta Crocetta nella persona del dottor Riccardo Lana. A Morinello, che non è sicuramente neofita della politica avendo ricoperto agli inizi degli anni novanta la carica di vicesindaco di Gela.
– Dottor Morinello, mentre ci si ostina a parlare di crisi, cosa assolutamente negata da Crocetta, tarda a giungere la tanto decantata verifica politica e tardano anche a realizzarsi gli assetti istituzionali. Lei come vede l’attuale situazione politico-amministrativa?
«In materia di crisi, convengo che ci sia una discrepanza in questa fase. Da una parte c’è il sindaco che aspetta soluzioni dai partiti e dall’altra ci sono i partiti che aspettano una soluzione da parte sua. Ad onore del vero mi sembra che ci troviamo dinanzi alla tela di Penelope. Si costruisce di giorno per disfarsi di notte. E’ certo che bisogna rilanciare l’azione amministrativa e programmatica dell’amministrazione e solo dopo si può parlare di riequilibri da raggiungere in giunta, di visibilità dei partiti che hanno sostenuto la candidatura a sindaco di Crocetta. Tutti ed ognuno dobbiamo avere un ruolo».
– Che significa rilanciare l’azione amministrativa?
«Significa che accanto a quei partiti del triciclo o quadriciclo ci siano tutti gli altri partiti che hanno concorso all’elezione di Crocetta. Ossia affermo che tutti debbono concorre alla definizione della nuova azione amministrativa. Parte del programma è stato già attuato ma ci sono alcuni punti tecnici che vanno un pò rivisti. Col sindaco eravamo rimasti d’accordo che dovremo riunirci al suo rientro a Gela, ed è indubbio che all’azione programmatica dovrà seguire successivamente l’assetto istituzionale. Se poi ci sono alcuni partiti che vogliono un eventuale azzeramento – sul quale sono personalmente contrario – di tutti gli assessori o una rimodulazione di deleghe assessoriali, se ne può discutere con lealtà e chiarezza senza furbizia da parte di qualcuno».
– Morinello, quando lei parla di assetti istituzionali, vuole riferirsi alle cosiddette poltrone assessoriali credo. Non ritiene che i concorrenti siano più di quante siano le poltrone. Come si fa se la coperta è stretta?
«Il problema è che agli inizi si era deciso che i partiti presenti in giunta fossero degnamente e adeguatamente rappresentati. Se c’è qualcuno che può recriminare penso che possa essere io nella qualità di responsabile di Primavera siciliana. Con 2200 voti siamo rappresentati ma sottodimensionati con un assessore. Altri partiti con 4500 voti hanno tre assessori. Il problema non sta qui, ma nel fatto che occorre definire ruoli e soprattutto programmi che vanno attuati».
– Un consuntivo ad oggi?
«Senz’altro positivo. Si sono intraprese iniziative portate a termine nel breve volgere di tempo. Ma soprattutto sono stati avviati lavori che giacevano da decenni. Ricordo il progetto Palazzo Cossiga che l’allora presidente della Repubblica ci regalò. E’ stato rispolverato solo da poco. Dopo tredici anni questo progetto rimaneva ancora nel cassetto. Altre iniziative, come il palazzo di giustizia. Ora bisognerebbe farsi parte attiva per dare completamento al carcere, che è una struttura che potrà dare lavoro. Se si vuole programmare per Gela provincia, occorre impegnarsi a dotare Gela di strutture atte ad ospitare uffici che incombono per una provincia. Quindi i partiti si devono sedere attorno ad un tavolo per programmare seriamente per poi trovare i punti di visibilità, le cosiddette poltrone».
– Più che un’impressione, vorremmo che lei ci dicesse se questo stato di incertezza e di crisi amministrativa durerà ancora a lungo.
«Non si tratta di crisi, ma di mettere a fuoco determinate incoerenze o situazioni che si sono verificate all’interno di alcuni partiti. Occorre una verifica seria che riponga come obiettivo il rilancio dell’azione amministrativa. Ed io sono molto fiducioso che al rientro di Crocetta ogni problema troverà la sua soluzione concreta. Certo l’avvicinarsi delle elezioni europee non aiuta. Sono legittime le ambizioni di alcuni che intendono candidarsi, come sono legittime le aspettative di alcuni partiti politici nell’aggregarsi per ottenere un risultato lusinghiero. Tutto legittimo. Ma il centro sinistra non può perdere l’interesse di battere il centro destra. Dalle ultime elezioni comunali è venuto fuori un centro sinistra e un centro destra che sostanzialmente sono paritari. Se ci saranno candidati gelesi, a qualunque schieramento appartengano, è un fatto positivo».


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120