1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Gela calcio, vittoria o addio play off
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 26/03/2010 messa in rete alle 23:52:42

Gela calcio, vittoria o addio play off

Ora che è stata osservata l'ultima sosta della stagione regolare in seconda divisione, possiamo dire di essere davvero al rush finale. Sette le gare al termine del campionato che cadrà il 9 maggio prossimo, allorquando il Gela ospiterà in casa l'Isola Liri. Solo fra un mese e mezzo circa, però, sapremo se si tratterà di una sfida al cardiopalma tra due squadre che lottano per obiettivi diversi (play-off la prima, play-out la seconda), o meno. Per il momento una certezza: delle 7 partite che rimangono, 4 si disputeranno al “Presti”.

Prima il Manfredonia, poi lo scontro diretto con il Barletta, quindi la Vibonese, per chiudere, infine, con l'Isola Liri. Vincerle tutte significa – con un'altissima percentuale di probabilità – conquistare uno dei due posti utili per giocarsi il salto di categoria agli spareggi promozione. Nel mezzo tre trasferte: uscire indenni da Noicattaro, potrebbe anche giustificare l'eventualità di tornare senza punti dagli altri due impegni fuori casa, più proibitivi sulla carta, come quelli contro Cisco Roma e Catanzaro che precedono la trasferta in terra pugliese, ultima in ordine.

“Vincenzo Presti”, dunque, determinante, e di questo devono tenerne conto, volenti o nolenti, anche e soprattutto i tifosi, specie quegli ultras particolarmente critici verso squadra e conduzione tecnica. La chiusura dello stadio ai sostenitori e simpatizzanti, indistintamente, lungo la settimana a seguito del petardo lanciato durante l'allenamento, d'altro canto non giova più di tanto. Questa situazione, per dirla tutta, non aiuta.

Alcune scelte tecnico-tattiche del mister possono avere ed hanno lasciato perplessi, ma parlare di esonero del tecnico quando si parte ad inizio campionato per salvarsi tranquillamente e poi si cambia radicalmente obiettivo e gruppo in corsa, appare francamente inopportuno, a meno che ci sia un'evidente frattura tra squadra e l'allenatore, con quest'ultimo unico solitamente a pagare per tutti.

L'impressione, però, è che Provenza abbia ancora in mano la gestione e ben salde le redini della squadra. Chiaramente diverso, per tutti, sarebbe il discorso se la stagione fosse iniziata con questa compagine a fronte di risultati così modesti.

Domenica contro il Manfredonia il pubblico è chiamato a fare la sua parte, come peraltro ha sempre fatto finora. Vale la pena di ricordare, visto che a qualcuno piace lamentarsi un po' troppo sotto questo profilo, che il Gela vanta nel girone il quarto posto in quanto a media spettatori, dietro solo al tandem di testa Catanzaro e Juve Stabia, nonché a quel Barletta che sta vivendo un momento magico e che adotta una politica contenuta nei prezzi, tanto da risultare dietro allo stesso Gela in termini di incassi. Il periodo, non particolarmente felice dei biancazzurri, suggerisce comunque un contributo dalla tribuna e dalla “Curva Boscaglia” con un tifo ed un sostegno per tutto il match: è essenziale, per il proseguio del cammino cogliere l'intera posta in palio.

Non sarà facile, ovviamente. Il Manfredonia proviene dalla pesante sconfitta a Vibo e cercherà di resistere strenuamente agli assalti dei padroni di casa. In classifica, i sipontini rischiano di essere risucchiati in piena bagarre salvezza: la Scafatese che occupa il quint'ultimo posto, vale a dire play-out, è sotto solo di una lunghezza. Il consiglio di amministrazione presieduto da Michele Balzamo ha respinto le dimissioni del tecnico Giovanni Bucaro, rinnovandogli stima e fiducia. Dal canto suo, lo spogliatoio ha siglato un autentico “patto di ferro”, così come trapelato da indiscrezioni giornalistiche. Sembrerebbe insomma, che Arigò e compagni scenderanno in Sicilia a vender cara la pelle: ma su ciò non avevamo dubbi. Non sarà della partita il centrocampista isolano (nativo di Alcamo) Giuseppe Pirrone appiedato per un turno dal giudice sportivo.

Nessuno squalificato e tutti a disposizione, invece, nel Gela. Schiavon ha superato il guaio muscolare, mentre Cunzi ha risposto finora a tutte le sollecitazioni, ma per vederlo all'opera bisognerà ancora pazientare per almeno due settimane. Il giocatore, fuori per infortunio dal mese di settembre, è stato aggregato al gruppo e giovedì, nella partitella in famiglia Provenza lo ha fatto giocare. Difficile pensare che possa andare in panchina ià domenica. Forse qualche possibilità l’avrà per la trasferta di Roma alla vigilia di Pasqua.

Provenza è tentato piuttosto dal giocarsi sin dall'inizio la carta Agostinelli al fianco di Franciel (nella foto): se quest'ultimo ha bisogno di giocare per entrare in condizione, a causa della sua struttura muscolare, lo stato di grazia in fase realizzativa del primo non può non essere preso in considerazione, specie in un attacco altrimenti sterile, in attesa del miglior Franciel e, possibilmente, del Cunzi di inizio stagione. Qualora fosse questa la scelta in avanti, peraltro caldeggiata da più parti, compreso chi scrive, anche per capire se possono davvero coesistere, il dubbio è se La Porta verrà schierato da esterno sinistro di centrocampo, in un 4-4-2, o nel tridente in un 4-3-3. In entrambi i casi, Memè dovrà giocarsi la maglia numero 3 con Piva.

Probabile Formazione (4-4-2): Nordi; Scopelliti, Lucioni, Gerardi, Piva (Memè); Cruciani, Schiavon, Cammarota La Porta; Agostinelli, Franciel.


Autore : Filippo Guzzardi

» Altri articoli di Filippo Guzzardi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120