1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il Gela ai play off parte da Giugliano
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 31/05/2005 messa in rete alle 23:40:07

Il Gela ai play off parte da Giugliano

Tutto pronto per l’esodo dei tifosi gelesi a Giugliano. Partiranno ben tre pullman da Gela (due messi a disposizione dall’amministrazione comunale), ai quali vanno aggiunti le centinaia di persone che dovrebbero recarsi autonomamente in Campania per sostenere i propri beniamini. Una sorta di colonizzazione della città ospitante, e paradossalmente potrebbero presentarsi al De Cristofaro un numero maggiore di tifosi gelesi rispetto ai locali, tentati a loro volta dal Napoli, anch’esso impegnato nei play-off in serie C1.
La cospicua carovana di bianco-azzurri e giallo-rossi che si accinge a partire conferma, per l’ennesima volta, con quale convinzione in città si creda nel salto di categoria, e in pochi ritengono che le vicende giudiziarie riguardanti, purtroppo, i due proprietari del Gela possano in qualche modo ledere il mo-rale dei giocatori. E se anche così fosse, il Gela ha conquistato i play-off non solo grazie alla serenità ambientale, ma sfruttando anche la concomitanza d’altri fattori, tra cui la superiorità tattica e la spettacolarità di un gioco che spesso e volentieri ha soverchiato gli avversari. Magari gli uomini di Domenicali scenderanno in campo con un morale leggermente basso, ma è indiscutibile la superiorità nei confronti degli avversari, e con il supporto dei tifosi non sono poche le probabilità di uscire quantomeno indenne dal campo di Giugliano.
Proprio i tifosi gelesi, che approfitteranno del bel rapporto con gli ultras avversari, potrebbero incidere sull’esito dell’incontro attraverso il loro sostegno, ma ovviamente ci auguriamo che nel settore a loro riservato non sorgano assolutamente dei dissidi sui colori per i quali tifare, e confidiamo in un ennesima prova di maturità da parte dei supporters gelesi. Per quanto concerne l’incontro, è opportuno valutare attentamente gli aspetti psicologici, fisici e tattici. Dal punto di vista mentale il Giugliano dovrebbe scendere in campo con una maggiore serenità, avendo avuto un girone di ritorno a propria disposizione per prepararsi con tranquillità in vista della coda del torneo, a differenza di un Gela mentalmente impegnato sino all’ultima giornata per conquistare la promozione diretta in C1.
Anche sotto l’aspetto fisico i campani di Porta appaiono in vantaggio, poiché l’unica pedina sul quale si nutre qualche dubbio dal punto di vista atletico è l’attaccante Gaetano Pignalosa, il quale costituisce con Perna (capocannoniere del torneo) la migliore coppia-gol del campionato, insieme al duo Ambrosi-Castaldo della Juve Stabia. Pignalosa, ottima spalla di Perna ma falcidiato dagli infortuni in questa stagione, è stato assente nell’ultimo mese di campionato con il fine di recuperare una condizione fisica ottimale, e sebbene sarà presente nella lista dei diciotto in semifinale, non è scontata l’utilità del suo apporto all’undici campano qualora rientri in condizioni precarie.
Tanti dubbi invece avvolgono il Gela: oltre a Gargiulo, sicuro assente sia all’andata che al ritorno, i punti interrogativi riguardano sia Comandatore che Abate, i quali hanno patito dei fastidiosi infortuni nel finale di campionato che potrebbero aver frenato l’ottima condizione fisica di cui disponevano. Sotto l’aspetto prettamente tattico, come già rilevato in precedenza, il Gela non dovrebbe incontrare difficoltà nell’affrontare i campani, e un eventuale sconfitta dei giallo-rossi maturerebbe solo per via dei fattori psico-fisici già descritti. Le sfide già disputate in campionato testimoniano come la truppa di Domenicali ab-bia sovrastato i campani, e tralasciando il sonoro quattro a zero rifilato al Presti nel girone di ritorno, poiché il Gela era all’apice della forma in quel periodo a fronte di un Giugliano in piena crisi atletica, soprattutto va preso in considerazione il successo conseguito in trasferta alla prima giornata di campionato. In quel caso, infatti, i campani presentavano un undici quasi identico a quello schierato nella passata stagione, motivo per cui Porta aveva a disposizione un gruppo già affiatato, mentre il Gela sembrava ancora alla ricerca di una propria identità tattica, essendo una squadra quasi totalmente rinnovata, e in pochi pronosticavano un successo di Carboni e compagni. Anche in quella situazione i giallo-rossi spiazzarono tutti con i tre punti conquistati, e con la voce grossa mostrarono a tutti gli addetti ai lavori quale sarebbe stato il ruolo del Gela in campionato. Si dice che i play-off siano tutta un'altra storia, ma la verità è che solo Domenicali e i suoi uomini possono perdere la possibilità di andare in finale, e se tuttavia accadesse un evento simile, tutti, nessuno escluso, meritano sicuramente un applauso dall’intera città per aver entusiasmato, divertito e appassionato il pubblico gelese senza che tali gioie fossero preventivate alla vigilia del campionato. Comunque vada sarà un successo.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120