1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il Gela tenta di uscire dall’ambiguità dei pareggi
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 23/01/2004 messa in rete alle 23:04:27

Il Gela tenta di uscire dall’ambiguità dei pareggi

Ancora una volta è la forza caratteriale a tenere a galla il Gela salvato a Cava dei Tirreni da una splendida rovesciata del giovane e promettente colombiano Merito, realizzata all’ultimo minuto di gioco.
Per la terza volta consecutiva gli uomini d’Ugolotti hanno evitato la sconfitta al fotofinish, a conferma dell’assenza d’arrendevolezza nella squadra quando sovviene l’esigenza di una forte reazione in campo al fine di pervenire al pareggio. In Campania Pintori e compagni hanno sciorinato una prestazione nel complesso positiva e confortante in proiezione futura, non patendo più di tanto l’assenza d’alcuni elementi-cardine quali Semplice (nella foto), Savio, Formisano (entrato solo nel finale), nonché il mancato utilizzo degli ultimi acquisti. In questi giorni l’attenzione generale è più che altro rivolta al calciomercato, in quanto la tifoseria si attende al più presto un pronto intervento della dirigenza al fine di reperire le pedine richieste da Ugolotti.
La risposta della società è stata parziale, e concerne esclusivamente il reparto offensivo, esitando invece nel prelevare subito un difensore e un esterno sinistro onde evitare di compiere operazioni di mercato troppo affrettate, col rischio che possano produrre in seguito risultati inefficaci. Ad acuire la tensione nei movimenti di mercato della dirigenza gelese contribuisce il confronto con il lavoro, sinora molto positivo, di alcune società che analogamente ai giallorossi mirano all’obiettivo della salvezza: Lodigiani (4 acquisti), Tivoli (8), Castel di Sangro (5), Cavese (3), Vittoria (3). Specialmente le due formazioni laziali, prossime avversarie al Presti, sebbene in classifica si ritrovino in una situazione alquanto precaria, si sono rafforzate con arrivi di gran qualità, per cui Izzo e compagni dovranno sudare molto nell’affrontare tali antagoniste.
Analizzando le poche operazioni compiute sinora dal Gela, a comporre il reparto offensivo, oltre al giovane Corona, si è aggiunto nella scorsa settimana Pietro Dell’Orzo, seconda punta ventitrenne dotata di una discreta tecnica e di un elevato dinamismo. L’ultimo arrivato dovrebbe rimpiazzare, secondo i piani della dirigenza, l’Erbini dei tempi migliori (peraltro entrambi ex-pupilli di Morgia) e Dell’Orzo potrebbe effettivamente trovare a Gela l’ambiente ideale per una definitiva maturazione. Tuttavia, sulla carta, non sembra vantare quelle credenziali che avrebbero fatto comodo alla formazione d’Ugolotti: sino ad ora, Dell’Orzo in carriera ha raccolto 72 presenze nei campionati professionistici (sebbene molte consistano in spezzoni di gara) realizzando soltanto dieci reti. Qualora il Gela disponga di una prima punta centrale molto concreta, il problema non si porrebbe, poiché Dell’Orzo, insieme a Campanile, sfrutterebbe le sue caratteristiche d’uomo-assist mettendosi a disposizione del compagno di reparto e la sua allergia al gol verrebbe trascurata.
La squadra necessitava, tuttavia, di una seconda punta molto abile in fase di finalizzazione, che sfruttasse il gran lavoro di Ciccio Semplice, il quale sta disputando un ottima stagione, sopperendo alla scarsa concretezza sotto porta con un impegno in campo costante e produttivo in quanto sfianca le difese avversarie.

In conclusione Dell’Orzo costituisce un’incognita, e non avrà certo vita facile in avanti poiché dovrà affrontare la concorrenza di Corona, Pintori e di Moussa, il cui gol siglato a Cava potrebbe rappresentare un buon viatico per il futuro.
Per quanto riguarda la difesa si é cercato di far tornare a Gela l’ex-capitano Marco Comandatore, sebbene la trattativa sembra essersi arenata per colpa del Vittoria (prima ha chiesto i soldi del cartellino, poi ha detto che il giocatore é incedibile).
Come già anticipato, nel prossimo impegno la Lodigiani dell’ex-nazionale Beppe Dossena scenderà in campo leggermente rafforzata, puntando soprattutto sull’estro di Criniti, che ha già esordito con una prestazione superlativa contro il Vittoria trascinando la squadra al successo. Dei nuovi arrivati disponibile Grando, in forte dubbio l’ex-centrocampista di Lazio e Torino Venturin (1 presenza in nazionale), mentre risulta inutilizzabile Apa, in passato al Cosenza e al Catania.
La Lodigiani, che scende in campo con il 4-4-2, annovera comunque altri elementi di spessore: Lopez (Lazio, Torino, Vicenza), Francesconi (Juventus, Genoa), Lasalandra (Udinese), Mazzi (Empoli), Galli (Palermo) e Pandolfi (Fermana e Acireale). Ugolotti dovrebbe confermare il 4-4-2, con il probabile esordio di Dell’Orzo al fianco di Semplice. Rientra For-misano dal primo minuto, mentre torna a disposizione del tecnico Savio, messo fuori rosa dalla società e in odor di cessione.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120