1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Abate carta vincente del Gela
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 06/03/2005 messa in rete alle 22:47:36

Abate carta vincente del Gela

E’ fatto così, prendere o lasciare. Giovanni Abate (nella foto) non gradisce le giocate facili, nel bene o nel male. Dopo quattro mesi d’astinenza dal gol, si sblocca in casa con una volata di trenta metri conclusa da uno splendido pallonetto a mezz’aria che ha uccellato il portiere del Giugliano Gragnaniello, per poi ripetersi a Rende dove parte dal centrocampo, in progressione dribbla tre avversari e una volta entrato in area con un tiro secco e preciso supera il portiere calabrese. Splendide realizzazioni, ma a suggello mancava la perla ammirata allo Jacovone di Taranto: cross in area per l’attaccante gelese, il quale calcia al volo, quasi con le spalle rivolte alla porta, con il pallone che s’insacca alla destra di Leopizzi sul palo più lontano. Un gol vincente, siglato dall’ex di turno, ed una gran soddisfazione per un giocatore entrato nel cuore dei tifosi gelesi anche quando non segnava, motivo per cui Abate non ha esitato a ringraziarli per il loro sostegno incondizionato.
Grazie al successo di Taranto il Gela ha oramai un piede e mezzo nei play-off, poiché la sconfitta della Pro Vasto a Barcellona ha aumentato il distacco sulla sesta in classifica portandolo ad otto punti, e sinceramente appare improbabile un tonfo degli uomini di Domenicali nelle ultime dieci giornate di campionato, così come appare difficile che Pro Vasto o Melfi possano inanellare una serie di risultati vincenti mettendo in pericolo la posizione del Gela. Comanda-tore e compagni di certo non si ritrovano a caso al terzo posto in classifica, ma è un piazzamento ampiamente meritato, e fin quanto si potrà fare affidamento su una retroguardia talmente granitica, non sussistono i presupposti per dubitare su un prosieguo vincente della marcia giallo-rossa. Quindici gol subiti in ventiquattro giornate e, addentrandoci nel dettaglio, solo tre reti subite nelle ultime undici gare di campionato: numeri straordinari per la migliore difesa del campionato, una difesa che conferisce sicurezza a tutta la squadra, la quale al suo ingresso in campo possiede la consapevolezza di aver eretto un muro difficilmente valicabile e, pertanto, basta una rete per aver ragione dell’avversario.

Il Gela ha segnato soltanto sei gol nelle ultime sei giornate, quindi con una media realizzativa di una marcatura a partita, ma le poche reti fatte hanno fruttato undici punti grazie alla solidità difensiva. Facendo leva su quest’aspetto, Domenicali ha preparato con zelo e attenzione il derby con l’Igea Virtus, gara molto importante poiché in caso di successo il Gela potrebbe riavvicinarsi al Manfredonia, secondo in classifica e impegnato nella difficile trasferta di Melfi. I giallo-rossi vorranno vendicare la sconfitta patita nella gara d’andata al D’Alcontres, e Domenicali potrà schierare, dopo il turno di squalifica, l’indispensabile Carboni, con Serra che tornerà in panchina. L’Igea, allenata da Pensabene, ha ottenuto soltanto sei punti in trasferta sui trentadue complessivi, essendo una squadra che s’impone agevolmente in casa ma al tempo stesso soffre maledettamente lontano dalle mura amiche.
Inoltre, il successo ottenuto nell’ultimo turno di campionato sulla Pro Vasto, consentendole un piazzamento tranquillo in classifica, potrebbe aver conferito ai giocatori una sorta d’appagamento per il risultato conseguito, un aspetto che di conseguenza favorirebbe non poco il Gela. L’Igea scende in campo con il 4-4-2, molto pericolosi gli esterni Trionfante ed Ancione, guizzanti e veloci, ma va tenuto d’occhio l’attaccante Catania, in gran forma. Un ex tra i barcellonesi: Matinella. Da segnalare il rischio di una possibile assenza degli ultras gelesi in curva, nonostante la gara sia di gran fascino e importanza: i tifosi sono sul piede di guerra poiché persiste, dalla curva, l’assenza di visibilità del campo, e hanno annunciato che diserteranno il settore sul quale solitamente sono assiepati qualora in settimana l’amministrazione comunale non fosse venuta incontro alle loro esigenze. L’assessore allo sport Donegani ha promesso un intervento immediato, motivo per cui è possibile un dietrofront dei tifosi almeno nel derby con l’Igea.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120