1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Silvana Grasso da Marrazzo in tv «Riparto da qui»
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 22/12/2013 messa in rete alle 22:45:41

Silvana Grasso da Marrazzo in tv «Riparto da qui»

Mercoledì scorso, la scrittrice Silvana Grasso (nella foto) ha partecipato come ospite al programma televisivo su Raidue – Razza umana – condotto da Piero Marrazzo, dedicato all'universo femminile.

La Grasso, narratrice del mito “che di mito nutre”, “Prometeo” dei nostri tempi, astuta e preveggente, è apparsa, con la sua chioma rossa, spavalda e “sanguigna”, com’è nel suo stile. Marrazzo l'ha presentata come vestale della cultura per aver sostenuto, quando fu assessore ai Beni culturali del Comune di Catania, la crociata della sana politica, non esitando a presentarsi in un programma televisivo munita di una sega, minacciando di “tagliare la testa” a chi avesse perpetrato lo scempio nei confronti dei beni culturali (all'epoca, da assessore salvò un vasto patrimonio culturale di inestimabile valore, abbandonato negli scantinati di Castel Ursino, e presentò denunce che diedero l’input a inchieste giudiziarie sulla sparizione di reperti storici).

La scrittrice, vulcanica come sempre non ha esitato ad esibire da Marrazzo la sua teatralità, rispondendo alle sue domande.

La Grasso ha detto di appartenere alla razza che si tiene lontana dalla palude della politica, condottiera di giustizia, pur amando ritagliarsi periodi di isolamento che le consentono di vivere l'amplesso continuo con le sue scritture.

In quanto alla condizione femminile Silvana Grasso ritiene che «il matriarcato non rappresenta, di fatto, una reale emancipazione per la donna». Il termine che indica l'effettiva emancipazione femminile – ha soggiunto – deve essere ancora coniato.

Di ritorno da Roma, abbiamo scambiato due chiacchiere con la scrittrice.

– Silvana Grasso ci racconta a caldo le impressioni sulla sua partecipazione alla trasmissione?

«Esattamente come nella vita privata, in quella professionale è indispensabile scegliere con cura i compagni di viaggio.

In questo caso Piero Marrazzo e l'altro autore Andrea Di Consoli sono eccellenze professionali e umane, due uomini garbati, di grande tonalità. L'accoglienza è stata da parte di tutti calorosissima, sebbene io sia arrivata con dieci ore di ritardo sul previsto, perché l'Etna, eruttando come mai, mi ha fatto i dispetti.

Il Vulcano, mio padre putativo, che ben conosce la mia infedeltà – sono per mia ammissione infedele agli uomini e agli editori – ha capito che l’attrazione per la Tv rappresenta per lui una seria minaccia, capace di impedire a sua figlia Silvana di restare nell'isola a respirare i suoi fuochi. Non vuole rinunciare alla sua Silva! Comunque le peripezie sono state ripagate in pieno dalle ottime prospettive di collaborazioni future in Rai, e come autore e come ospite». – Quali sono, nell'immediato futuro, i suoi impegni in Rai?

«Da gennaio in poi sarò in collegamento da Catania con la trasmissione Uno Mattina a Raiuno, ma non posso precisare al momento le date perché mi saranno comunicate più in là. Vista l'altissima considerazione che tutti avevano di me ho accennato ad un'idea per un programma, che accarezzo da tempo; idea che ha trovato entusiasmo anche nel produttore Barbot, presente in sala registrazione».

– Ci può anticipare qualcosa?

«Si tratta di un programma molto “popolare” in apparenza, attraverso il quale voglio parlare a chiunque, di qualunque ceto sociale, che ami o detesti il sapere, che faccia il muratore o il magistrato, che sia una casalinga o una docente universitaria, ma che trovi un punto di forza proprio nella mia formazione classica e nella mia conduzione ammiccante e “inquisitoria”. Un programma che sarà un ansiolitico, un antidepressivo, un'eruzione sentimentale. Non posso svelare altro perché, lo stesso produttore, per serietà, mi ha consigliato di registrare il format prima che mi venga soffiata l'idea».

– Quindi farà televisione nel 2014?

«Certamente e non solo nel 2014, ma fino a quando me lo chiederanno e fino a quando troverò intelligentemente ludica questa nuova svolta nel caleidoscopio della mia vita, già ricco di filologia, narrativa, teatro, giornalismo, docenza. A questo si aggiunga la mia vita privata, fatta di due splendidi figli e innumerevoli fidanzati che si susseguono, fortuna per me, non so per loro, al ritmo delle stagioni! Vivo, in tutti i sensi, una primavera di vita eccezionale, ma ho anche il coraggio e la vis di rimettermi sempre sul palcoscenico della vita, di ridere di frustrati calunniatori, anche quando il tendone sembra calato per sempre. Nulla sia per sempre! E’ tedioso il concetto di “sempre”, è una galera, io vivo il “qui e ora”, nel lavoro come in amore, nulla è più potente che il cambiamento, la metamorfosi. La passione è per un attimo! il resto è... ragnatela. Dico sempre a un editore come a un uomo “per ora”, al momento loro non fanno caso all'importanza del “per ora” che si rivela fatale quando consumerò il tradimento, abbandonando e l'uno e l'altro! E infischiandomene francamente...».

– So che sta per terminare il suo ultimo romanzo, cosa ci può anticipare?

«E' un’intrigante storia di enigmi erotici e sentimentali: di pizzo rosa... per favore». In attesa di questo romanzo dal titolo accattivante, salutiamo Silvana Grasso ed il meraviglioso pianeta di avventure professionali e di vita che ci ha regalato.


Autore : Maria Grazia Fasciana

» Altri articoli di Maria Grazia Fasciana
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2020 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120