1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Nella seduta su Sciascia il Consiglio vola alto
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 22/02/2009 messa in rete alle 22:35:32
Nella seduta su Sciascia il Consiglio vola alto

Vola alto il consiglio comunale nella seduta del 19 febbraio scorso. Con due votazioni distinte, la prima a maggioranza (16 favorevoli, con l’astensione del consigliere Collura) e la seconda all’unanimità (17 favorevoli ) decide di istituire una commissione d’indagine dopo avere sentito per 1 ora e 10 minuti una nutrita e circostanziata relazione del dirigente del settore Ecologia Ing. Roberto Sciascia su questioni riguardanti gare d’appalto, raccolta di rifiuti solidi urbani ed altri atti di gestione importanti, sui quali il dirigente ha manifestato il suo dissenso o i diversi modi di affrontarli, notificando sempre, legge alla mano, le sue motivazioni. Nel contempo delibera di chiedere al sindaco di assegnare il dirigente Ing. Sciascia con funzioni ispettive presso lo staff della presidenza del Consiglio comunale. Questo lo stralcio del dispositivo della deliberazione votata a stragrande maggioranza e proposta dal consigliere DeS Paolo Cafà: “Il Consiglio comunale di Gela…ritiene indispensabile l’istituzione di una commissione d’indagine…al fine di consentire ulteriori approfondimenti sulle varie questioni sollevate: criteri di aggiudicazione delle gare di appalto differenti per fattispecie analoghe, impianto di lavorazione inerti in disuso, gestione del servizio rifiuti solidi urbani… e relazionare al Consiglio comunale sulla fondatezza amministrativa e sulle eventuali responsabilità politiche…La commissione dovrà espletare il proprio mandato entro sessanta giorni dal suo insediamento”.
Un secondo dispositivo è stato votato all’unanimità su proposta del consigliere Udc Enzo Cirignotta: “Il consiglio comunale, sentita la nota con cui il dirigente del settore Ecologia manifesta il disagio a continuare il mandato dirigenziale causa di un’insanabile diversità di vedute con l’Amministrazione comunale…chiede alla S.V. di assegnare il dirigente all’ecologia all’ufficio di staff della presidenza del Consiglio comunale con le funzioni previste dall’art.19 comma 10 e decreto legislativo 165/2001”.

Ma quali sono le questioni sollevate dal dirigente del settore Ecologia insediatosi nel 2008? Si tratta di quattro-cinque questioni: 1) gestione servizio raccolta rifiuti solidi urbani; 2) impianto pilota di triturazione degli inerti, realizzato e non messo in funzione con un duplice danno erariale: dal riciclo degli inerti si sarebbero avuti degli utili e nello smaltire il materiale di risulta nel corso dei numerosi appalti si è dovuto pagare un prezzo a privati; 3) assegnazione di due appalti apparentemente diversi ma della stessa fattispecie. Per un appalto viene deciso di revocare l’appalto per l’altro no; 4) Remissione del mandato e richiesta di Sciascia ad avere altri compiti. Brevemente parliamo della gestione del servizio rifiuti solidi urbani. Qui viene lamentata una serie di distonie nel funzionamento della macchina amministrativa. Il dirigente trova un canone pagato dal Comune di 186 mila euro nel 2001 contro 476 mila euro pagate nel 2004. A suo dire non c’è da parte del sindaco alcuna giustificazione amministrativa. Nessuna delibera di giunta, ma solo determine dirigenziali che in autotutela ha annullato. A questo punto, fatti i dovuti conteggi, il dirigente rileva un danno erariale di 4 milioni e 500 mila euro riferito dal 2001 al 2008. Il comune si sarebbe dovuto attivare per il recupero di queste somme, ma anche costituire nella causa promossa dall’Aticosiam contro il Comune con ingiunzione di pagamento per le fatture non pagate chiedendo anche domanda di riconvenzione. Con il dirigente Sciascia era stata concordata una terna di avvocati che dovevano rappresentare al meglio l’Ente Comune. Qualche giorno prima che scadesse il termine, il Comune indica invece un avvocato diverso. Perché? In aula non c’è il sindaco per spiegarlo. C’è il vice sindaco, ma ad una certa ora se ne va. Rimane l’assessore Vella che cerca di spiegare alcuni passaggi e di rispondere su alcune questioni sollevate da Sciascia. Poi svicola con affermazioni del tipo: “l’ingegnere si è sbagliato. La giunta ha deciso di nominare l’avvocato Paterniti poiché l’avvocato Caleca, ha rinunciato perché essendo penalista si è dichiarato incompetente di fronte atti amministrativi. Quindi sono state date tutte le carte all’avvocato Paterniti”. Molti i dubbi e gli interrogativi nei riguardi dell’operato dell’Amministrazione da parte dei consiglieri intervenuti (Greco, Collorà, Trufolo, Paolo Cafà, Cassarà, Collura, Robilatte). Perchè per la nomina dell’avvocato si è atteso l’ultimo giorno nonostante i continui solleciti del dirigente Sciascia? Cosa si è fatto per evitare il danno erariale?

“Così facendo – ha chiesto Cafà all’assessore all’ecologia Vella poco prima che il Consiglio si pronunciasse sulla nomina della commissione d’indagine - ha messo il professionista nelle condizioni di svolgere al meglio la propria funzione nei tempi dovuti? E semplice dire che il mandato è stato assegnato nei tempi, ma ciò non significa che c’erano i tempi per potere redigere la comparsa di costituzione e risposta. Noi ci auguriamo che sia accaduto il miracolo, tenendo conto di tutti i criteri che la legge imponeva a tutela degli interessi erariali dell’Ente”.
Nella seduta del giorno precedente il Consigliere Cirignotta ha ritirato la mozione presentata in precedenza ed ha ringraziato l’amministrazione comunale per avere fatto propria la sua proposta di istituire un tavolo istituzionale partenariale di concertazione continua per l’implementazione della zona franca urbana da costituire con alcune categorie di attori locali come: rappresentanti del consiglio comunale e della giunta municipale, dirigenti dell’amministrazione, Prefettura di Caltanissetta, provincia regionale e Camera di commercio di Caltanissetta, consorzio Asi di Gela, associazioni varie…ecc.


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120