1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Mani gelesi sulla morte di Vincenzo Napolitano
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 04/07/2010 messa in rete alle 22:00:46
Mani gelesi sulla morte di Vincenzo Napolitano

Era il 23 maggio del 1992, mentre le tv di gran parte del paese erano sintonizzate sui notiziari che, in maniera frenetica, descrivevano l'attentato subito dal magistrato palermitano, Giovanni Falcone, a Riesi un vero protagonista della locale amministrazione veniva ucciso.

A cadere fu Vincenzo Napolitano (nella foto), già assessore ai lavori pubblici e sindaco del centro nisseno fino a sei mesi prima di trovare la morte. La vittima era uno che contava, un notabile della locale Democrazia Cristiana.

A diciotto anni dal fatto, gli inquirenti ritengono di aver dato una definitiva soluzione al caso.

Ad uccidere Napolitano, infatti, sarebbero stati due baby-killer gelesi, Nunzio Cascino e Francesco Vella, coordinati dall'attuale collaboratore di giustizia, Crocifisso Smorta, dietro il necessario placet dei fratelli Davide, Daniele ed Alessandro Emmanuello.

La richiesta, però, sarebbe pervenuta direttamente da Riesi: a chiamare, infatti, sarebbero stati Pino e Vincenzo Cammarata, indiscussi signori della locale cosa nostra.

L'ex primo cittadino doveva morire perché accumulava, solo per sé, i proventi delle mazzette versate dagli imprenditori impegnati in diversi lavori pubblici, appoggiando i “ribelli” guidati dai fratelli Salvatore e Calogero Riggio, legati alla stidda gelese ed agrigentina.

A Riesi, in quel periodo, per lavorare si doveva passare dalle famiglie del posto: il 10% dell'intero importo dei lavori spettava al sindaco e ai gruppi della criminalità organizzata.

La colpa di Napolitano, però, sarebbe stata l'eccessiva attitudine ai profitti generati dal “settore”. Il 10% si trasformava nel 3% per cosa nostra, il resto veniva trattenuto alla fonte dall'esponente dello scudo crociato: troppa autonomia, a quanto pare, doveva essere punita.

Il gruppo degli Emmanuello sarebbe stato contattato per il tramite di Salvatore Fiandaca, inviato dai Cammarata in terra ligure, ove incontrò i fratelli gelesi, da tempo presenti a Genova. Un coordinamento destinato a distruggere le fonti di profitto gestite dai Riggio, e dunque della stidda.

A quanto emerge dalle indagini, Vincenzo Napolitano avrebbe avuto rapporti con diversi imprenditori interessati ad operare nella zona, fra questi Andrea e Pietro Di Vincenzo, gestori di un grande gruppo economico, ancora oggi sotto la luce dei riflettori accesa dagli inquirenti nisseni. Una parte dei guadagni assorbiti dal politico riesino, inoltre, sarebbero stati dirottati verso la “causa” dei latitanti Carlo Marchese e Francesco Annaloro, nel mirino dei fratelli Cammarata poiché luogotenenti di Salvatore e Calogero Riggio.

Una storia di mafia, politica, estorsioni, mazzette e morte: dopo diciotto anni, gli inquirenti ritengono di averla decifrata fino in profondità.


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120