1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il Gela alla prova Andria
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 03/12/2006 messa in rete alle 21:55:12

Il Gela alla prova Andria

Al Presti è un rullo compressore. Anche la malcapitata Vibonese ha dovuto lasciare le penne ad un Gela determinato e concreto tra le mura amiche, con gli uomini di Sorbello abili nel gestire con sagacia il fortunoso ma decisivo gol di Ceccarelli. Per i biancazzurri è la terza vittoria consecutiva ottenuta sul proprio campo, e proprio sui successi interni si basa il vertiginoso rendimento di Berti e compagni, non disdegnando talvolta qualche razzia esterna. Le contemporanee sconfitte della capolista Sorrento e del Monopoli hanno avvicinato il Gela alla vetta, distante solo cinque punti, e hanno inoltre favorito il piazzamento al secondo posto in classifica sorpassando proprio i pugliesi. Il sogno pertanto continua, i giocatori e il tecnico proseguono nel menzionare esclusivamente la parola salvezza, ma i risultati supportano obiettivi di ben altra natura. La cautela appare eccessiva, e considerato il livello qualitativo del campionato i tifosi credono ancor di più nel salto di categoria. E’ pur vero che il Gela, nonostante abbia surclassato in casa rivali del calibro di Marcianise, Monopoli e Vibonese, è stato favorito dalle condizioni precarie con cui tali formazioni hanno dovuto affrontare i biancazzurri, non potendo disporre delle punte titolari. Soprattutto le ultime due, Monopoli e Vibonese, hanno dovuto cambiar modulo, passando dal 4-4-2 al 4-4-1-1, e ciò ha comportato una maggiore solidità a centrocampo, ma anche una scarsa incisività offensiva. Se a ciò aggiungiamo che il Gela vanta la retroguardia meno imbattuta del torneo, con il sontuoso D’Aiello di una spanna sopra i compagni di reparto, per gli avversari diventa ancor più difficile bucare la porta difesa da Recchi.
Altra nota positiva è rappresentata dalla continuità realizzativa di Fabio Ceccarelli, autore, negli ultimi quattro incontri, d’altrettante marcature, a dimostrazione dell’elevato fiuto del gol posseduto dall’attaccante di Frascati. La nota dolente è invece rappresentata dall’espulsione di Comandatore, e, in generale, è il terzo giocatore gelese espulso nelle ultime quattro gare: un numero eccessivo, sebbene l’aggressività sia una delle caratteristiche predominanti evidenziate dal team di Sorbello. Ma non bisogna esagerare nell’agonismo, e non peccare in ingenuità, poiché, al di là dei disagi provocati nel corso della gara in cui viene decretata l’espulsione, le conseguenze maggiormente negative incidono sull’impegno successivo, e nella difficile trasferta di Andria non sarà facile rinunciare, come del resto accaduto a Rende, al capitano Comandatore. Candidato a rimpiazzarlo è, per l’ennesima volta, l’italo-argentino Emiliano Parlagreco (nella foto) sebbene questi non faccia trasparire dalle sue parole alcuna certezza. “Sinceramente nutro buone speranze per un mio impiego nella trasferta d’Andria. Io mi alleno con grande intensità, ovviamente sarà il mister a valutare il mio impegno e a decidere se schierarmi o no”. Per Parlagreco, ex pilastro del Modica, sembra ormai superato il momento critico, avendo acquisito una condizione fisica discreta.

“I tifosi non hanno ancora visto il vero Parlagreco. Essendo un centrocampista di rottura, ho bisogno di una condizione fisica al top per essere efficace. Nelle gare interne sono entrato in campo dalla panchina e sono stato impiegato a freddo, e pertanto non ho reso bene. Adesso invece mi sento più che mai pronto ad offrire un valido contributo alla squadra.” La trasferta in Puglia appare veramente insidiosa, al momento l’Andria è la squadra più in forma del campionato. Con Scarafoni in panchina i pugliesi hanno ottenuto quattro punti in sei gare, e dopo il suo esonero, il sostituto Di Leo, in precedenza allenatore in seconda, ha conquistato ben sedici punti in sette gare. E non solo, perché va aggiunto che l’Andria è imbattuta da sei turni, è reduce da quattro vittorie consecutive in casa, dove peraltro non ha mai perso, e la punta argentina Marchano ha realizzato sei gol nelle ultime cinque gare. Emiliano Parlagreco (nella foto) è consapevole delle difficoltà che presenta l’incontro: “Rispettiamo fortemente l’avversario, è in splendida forma, si trova a ridosso dei play-off, ma noi siamo pronti a sfidarli con la determinazione che ci ha sempre contraddistinto. Scenderemo in campo per vincere, qualora non dovessimo riuscirci, ci accontenteremmo comunque di un risultato di paritài. L’importante è non perdere.” L’Andria si schiera con il 4-3-3, ed è la seconda volta che il Gela affronta un avversario disposto in campo con tale modulo; la prima volta fu a Melfi, e il precedente è di buon auspicio, poiché lo stadio lucano fu espugnato per uno a zero. Nell’Andria milita un ex del Gela ricordato con grande affetto in Sicilia: trattasi di Nazzareno Scopelliti, reduce dalla deludente esperienza di Pisa, e non ancora ben integrato nella compagine pugliese.
In Puglia i ragazzi di Sorbello godranno ancora una volta dell’incitamento degli ultras, i quali hanno comunicato lo scioglimento dei vecchi gruppi e la nascita di un unico corpo, denominato “Vecchio stile 1987”, il cui debutto è già avvenuto in occasione della gara interna con la Vibonese. Un unione d’intenti che potrà accrescere il calore attorno alla squadra, per remare verso una sola direzione, ossia la disputa di un campionato il cui esito sia comunque motivo d’orgoglio, senza trascurare il sogno della C1. Un desiderio che Parlagreco prova a smorzare: “Siamo ancora nel girone d’andata, andiamoci cauti, noi giocatori pensiamo innanzitutto alla quota-salvezza, e una volta raggiunta, potremo cambiare obiettivo. Per il momento dovremo mantenere un profilo basso, ed è un invito che rivolgo anche ai nostri calorosi tifosi”.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120