1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Consiglio tace in.... consiglio
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 05/03/2004 messa in rete alle 21:13:30

Consiglio tace in.... consiglio

Chi si aspettava che nella seduta consiliare di giovedì 26 febbraio l’assessore allo sviluppo economico Orazio Consiglio (nella foto) facesse nomi e cognomi di coloro che aveva additato nel corso della conferenza stampa come dei personaggi loschi che pensano solo a far approvare progetti per loro interessi personali ed a fare pressioni nei suoi riguardi pena la defenestrazione dall’assessorato, si è sbagliato.
Appena ha esaurito la sua relazione che ha evidenziato dei toni più pacati rispetto alle esternazioni di qualche giorno addietro, gli abbiamo chiesto che tipo di messaggio ha voluto dare al Consiglio e quale fosse il contenuto della sua relazione (An l’ha definita relazione di fine mandato). Circola voce che l’assessore Consiglio potrebbe lasciare l’incarico e che sia pronto un provvedimento di sospensione dal partito dei consiglieri comunali della Margherita. La decisione dovrebbe essere assunta nel corso di una riunione a livello provinciale da tenersi a Gela presente il segretario Aronica, il presidente del partito e il senatore Montagnino. Gli abbiamo chiesto se nel corso della riunione lui farà i nomi di chi gli esercita pressioni. “I nomi non vanno fatti – ci risponde – questi vanno fatti a chi di dovere.
Ho presentato un esposto agli organi inquirenti in questi giorni. Tutto il can can dei giornali e delle televisioni che si chiedono quale debba essere la mia condotta, non la condivido. Il da farsi è una mia precisa scelta. La mia coscienza mi ha dettato di fare una denuncia agli inquirenti. Adesso non mi sembra il caso che vengano messi alla gogna, al pubblico ludibrio le persone che io ho indicato per i quali ci sarà un corso ed un percorso di atti giudiziari che non riguarda certamente la politica”.
Nella stessa seduta dovrebbe essere ascoltato l’assessore Consiglio che nei giorni scorsi ha presentato un esposto ai carabinieri facendo nomi e cognomi.
“Ho posto la questione morale che risale agli anni 70 – ci ha dichiarato Consiglio – allorquando il segretario del Pci Berlinguer partiva e denunciava gli intrecci tra politica e affari. Tutt’oggi quei problemi che poneva Berlinguer sono attualissimi. Io ho voluto porre pure la questione morale che riguarda l’intero consiglio e ogni singolo consigliere. Stiamo partendo con un forte segnale di cambiamento che io sposo benissimo perché nella mia storia e nella mia città si scende in politica so che debbo anteporre gli interessi personali per portare avanti gli interessi della città. Ho voluto esporre questi fatti. Per quanto riguarda a questione particolare di alcuni soggetti che continuano a bussare alla porta dell’assessorato pena la defenestrazione dell’incarico assegnatomi, la cosa non trova da parte mia accoglimento, per cui viene rigettata al mittente. Non mi faccio né opprimere né intimidire perché voglio essere lasciato libero in piena autonomia nella mia funzione perla crescita della città e del territorio. Questo è l’impegno che intendo assolvere”.

abbiamo avvicinato l’assessore Consiglio Dopo il suo intervento c’è stato un serrato dibattito nel corso del quale da parte di tutti i consiglieri intervenuti c’è stato un certo disappunto perché le accuse di Consiglio sono rimaste generiche che toccano tutti e nessuno. Sono intervenuti i consiglieri di An Angela Galioto e Franco Liardo, Rosario Italiano e Robilatte dell’Udc, Santino Giocolano dei liberalsocialisti e Franco Giudice capogruppo di Forza Italia. Nessun intervento da parte dei componenti del gruppo consiliare de “La Margherita”. Angela Galioto (An) nel suo intervento ha sostenuto che i toni usati da Consiglio nel suo intervento sono molto diversi da quelli utilizzati durante le interviste televisive. “Chi ricopre una carica istituzionale – ha affermato il vice presidente del consiglio comunale – deve utilizzare in maniera propria i termini perché denigrare una istituzione nel suo complesso costituisce un atto irresponsabile. Le denunce di Consiglio fanno capire che si riferisce a componenti del suo partito che gli stanno col fiato sul collo, alludendo anche ad una sua difficoltà a permanere nell’ambito della giunta. Anche quando quella è una partita interna al proprio partito, ritengo che debba essere risolta all’interno. Poi se l’assessore Consiglio è a conoscenza di fatti illeciti che registra nella sua attività di governo, ha il dovere di segnalarli da qualunque parte provengano”.
Il consigliere Franco Liardo di An si è chiesto quale sia la condotta della Margherita. Chi sostiene: il sindaco, l’assessore Consiglio o il gruppo consiliare. Ha avuto parole forti nei confronti della giunta Crocetta che a suo dire si vanta di avere dato esecuzione a tanti atti, mentre in effetti si tratta di programmi avviati da precedenti amministrazioni. Ha contestato la paternità della istituzione della capitaneria di porto il cui iter fu portato avanti tre anni fa dall’on. Ventura. Per Liardo l’assessore Consiglio nelle sue esternazioni in quella che definisce questione morale, si è lasciato prendere la mano irresponsabilmente. Il consigliere liberalsocialista Giocolano ha invitato ad usare toni più pacati perché venga tutelata l’istituzione Consiglio comunale. Stessa cosa hanno sostenuto i consiglieri dell’Udc Italiano e Robilatte. La seduta è poi proseguita con la trattazione della consulta.


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120