1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il castello svevo va in rovina
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 11/07/2010 messa in rete alle 21:11:48

Il castello svevo va in rovina

Tutti, a Gela e non solo, conoscono il Castelluccio (nella foto di Giuseppe Scivolone e Agnese Siciliano, un particolare d’interno) che si erge in contrada “Spadaro”, proprio a ridosso della strada statale che dalla città conduce verso Catania.
Per anni, progetti, finanziamenti, tentativi di garantirne la costante fruizione, hanno cercato di fare breccia, senza però raggiungere alcun concreto risultato: perlomeno stando all'attuale stato di abbandono.

Basta avvicinarsi all'area recintata per comprendere immediatamente che le difese da sgradevoli tour, non esattamente turistici, sono assai labili.
La rete che avrebbe dovuto assicurare l'intera zona, infatti, è stata tagliata in più tratti: nessuna difficoltà nel sollevarla allo scopo di accedere, a qualsiasi ora, all'interno di quello che dovrebbe essere un perimetro da curare con molta attenzione.

Per alcuni anni, la Soprintendenza ai Beni Culturali di Caltanissetta aveva assicurato la presenza di un custode, in grado di occuparsi a tempo pieno del sito.
Oggi, però, soffermandosi per qualche minuto intorno a quella che, almeno un tempo, era la struttura atta ad ospitare l'attività di guardiania, niente appare conforme ad una costante azione di controllo, tutt'altro.

La stanza interna è praticamente vuota, le porte non sono più presenti: regna un'assoluta desolazione.
Le residue suppellettili sono state sottratte da ignoti, ben poco rimane di un presidio che avrebbe dovuto permettere la rigenerazione di un importante sito storico.
Un castello risalente, secondo talune stime, al 1143, non può essere al momento visitato: massima incoerenza della politica gestionale dei beni archeologici del territorio gelese.

Anche la parte interna del castello svevo non versa in felici condizioni, la vegetazione prende il sopravvento, i vetri che proteggevano le aperture delle torri andati in frantumi.
I piccoli cancelli interni sono aperti, e di conseguenza tutti gli accessi si prestano alle voglie, non sempre così costruttive, di chiunque decida di penetrarvi.
Un sito storico in balia di tutti: nessun controllo, assenza di qualsivoglia forma di sicurezza, incuria e poco altro.
Un biglietto da visita poco attraente per una città che ambirebbe a fare del turismo culturale una delle sue essenziali bandiere.


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120