1 2 3 4 5
Corriere di Gela | La grande storia di un piccolo uomo
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 07/12/2012 messa in rete alle 20:36:19

La grande storia di un piccolo uomo

E' un tumore ai polmoni a stroncare la vita di Francesco Esposito Paternò che esala l'ultimo respiro il 16 ottobre 2006. Il suo torto? Aver lavorato per 22 anni come capoturno al reparto clorosoda-dicloretano dell'ex petrolchimico gelese: vale a dire dal 1972 al 1994, anno in cui il “reparto killer” viene chiuso. Al suo capezzale ci sono i più stretti famigliari, con la moglie infine a sussurrargli «Franco, basta soffrire, vai se devi andare, ti vogliamo bene». Per il figlio Daniele è l'inizio di una nuova vita, di un «fuoco di nome “Giustizia e Verità” ........ che esplose così tanto da far creare un vero e proprio incendio di “Rabbia e Amore”, per la mia gente, per tutti quelli che soffrono, che ridono, che muoiono, per tutti quelli che hanno voglia di vivere». A sei anni dalla morte del padre viene pubblicato il libro “Grande storia di un piccolo uomo. Le verità non dette sul clorosoda - dicloroetano di Gela” di cui Daniele Esposito Paternò (nella foto)è appunto autore. Lo scopo è che tutti conoscano quanto invece è stato per lo più reiteratamente sottaciuto e se, nelle more, la causa intentata dalla sua famiglia è stata vinta in tribunale, per Daniele ciò vuol dire che anche altri possono farcela, meglio ancora se uniti. E' il giudice Luca Solaini a riconoscere, il 30 marzo 2011, l'impianto clorosoda-diclorometano come «causa o concausa della morte» di Francesco Esposito Paternò, «condannando l'Inail a versare la pensione (reversibilità) di malattia professionale» alla consorte. Un precedente “storico” giacché «con l'aiuto indispensabile dello studio Maganuco ..... abbatteva un muro durato 50 anni».

Nato a Gela nel 1983, Daniele Esposito Paternò cresce con la passione per la bici ed inizia correre nei vari circuiti amatoriali: alla prima gara disputata a 17 anni sale sul gradino più basso del podio. L'anno dopo vince tutti gli appuntamenti nella sua categoria e, non appena preso il diploma di perito capotecnico in Elettronica e Telecomunicazioni, si trasferisce a Villongo, nei pressi di Bergamo, dove divide la casa con l'attuale ciclista professionista Efminkin e partecipa fino a 23 anni in diverse competizioni regionali, nazionali e internazionali. Nel momento in cui decide di ritirarsi, si cimenta nei più disparati lavori: da cameriere a venditore di cartelle nella sala di bingo, da montatore metalmeccanico ad elettricista e così via. Si trova in Valle d'Aosta quando nel gennaio 2006 apprende della malattia del padre.

La sua vita in quei mesi cambia inesorabilmente. Daniele constata in quali condizioni vivono i malati oncologici e conosce il compianto Crocifisso Moscato, la cui tenacia ha reso oggi possibile parlare di radioterapia a Gela. Moscato, il «maestro», è più volte citato nel libro ed anche dalla sua battaglia Daniele Esposito Paternò ha tratto insegnamento, imparando a lottare per la verità ed a crederci fortemente. Al suo fianco il figlio di un collega del padre e deceduto 6 mesi prima (tumore all’esofago nonostante non avesse mai bevuto alcool, né fumato o preso un caffè), nonché un altro ex capoturno dell'impianto della morte (sopravvissuto grazie ad un trapianto di cuore): sono «i tre moschettieri» che danno vita al comitato spontaneo ex lavoratori clorosoda, il cui processo di produzione è la cosiddetta “Elettrolisi”. Un sistema descritto nel libro, financo minuziosamente nella sua apparente semplicità, suscettibile di tramutarsi in una complessa pericolosità in ordine alla salute di chi ne è coinvolto.

Non mancano interviste, info, documenti e quant'altro in allegato. C'è spazio anche per affrontare i temi della quotidianietà nel frattempo attraversata dall'autore: i mondiali di calcio, il problema del lavoro, della disoccupazione e del precariato, la cattiva politica, Grillo ed il movimento 5 stelle e quant'altro, sullo sfondo di una ordinaria storia, tutta meridionale, di crescita industriale senza sviluppo, associata – quasi volente o nolente - a malattie cancerogene e persino malformazioni neonatali a corredo. Una storia attualissima più che mai, come sembrerebbero testimoniare i recentissimi riscontri al vaglio della magistratura.


Autore : Filippo Guzzardi

» Altri articoli di Filippo Guzzardi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120