1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il Gela riparte alla grande
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 09/01/2005 messa in rete alle 20:24:07

Il Gela riparte alla grande

Terza vittoria consecutiva, quarto posto in classifica a tre punti dalla vetta, squadra meno battuta (insieme alla Massese) dell’intera serie C2. Al termine del girone d’andata tali statistiche testimoniano la valenza dell’opera sin qui realizzata dal Gela. e dai suoi dirigenti, in grado di mandare in visibilio il pubblico giallo-rosso nel match disputato al Presti, contro il Melfi, nel giorno dell’Epifania.
Il sonoro tre a zero rifilato alla formazione lucana grazie alle reti messe a segno da Cuffa, Levacovich e Scopelliti ha consolidato la posizione dell’undici di Domenicali in zona play-off, avendo acuito il distacco dal sesto posto, occupato sempre dal Melfi ma con una differenza di cinque punti. E’ chiaro che alla luce degli ultimi risultati conquistati in campionato appare opportuno archiviare il discorso-salvezza, a cui in passato hanno accennato soltanto i dirigenti, per lasciar spazio ad un nuovo obiettivo, tutt’altro che irrealizzabile: ci riferiamo ovviamente alla promozione diretta in C1, considerato l’esiguo distacco di soli tre punti dal primo posto, occupato congiuntamente da Cavese e Manfredonia.
Per il momento il Gela non sembra essere inferiore ad alcuna delle squadre che la precedono, anzi gli ultimi acquisti Serra e Feliciello hanno in qualche modo rafforzato la rosa giallo-rossa portandola al livello delle altre rivali. Serra, veloce centrocampista di fascia destra, ha già esordito con il Melfi e si è immediatamente presentato con uno splendido assist per Scopelliti in occasione della terza rete. Straordinario protagonista nell’Alessandria dal 1999 al 2002, Serra fu acquistato dal Cosenza in serie B per poi subire un grave infortunio che ne ha compromesso la carriera, perdendo potenza e velocità, ma a 25 anni dispone ancora del tempo per riacquistare quella reattività fisica perduta nelle ultime due stagioni. Serra sostituirà Catalucci, passato al Taranto, consentendo a Domenicali un possibile ritorno al prediletto 4-4-2, modulo a cui da tempo ha rinunziato proprio per l’assenza di un esterno destro offensivo, essendo Catalucci una sorta di doppione di Scopelliti. Feliciello, proveniente dalla Folgore (serie D), è invece un discreto rincalzo difensivo che ha giocato ad Isernia nelle ultime due stagioni, godendo dunque della stima di Ferrante e Domenicali (nella foto) i quali hanno così colmato il posto lasciato da Jacopo Mariani, a sua volta accasatosi alla Scafatese nei dilettanti.
Con questi innesti il Gela acquista maggiore competitività, ma per poter ambire al primo posto è necessario acquistare una punta molto concreta (e si torna a parlare di Scichilone della Cavese), operazione doverosa a cui non può ostare l’ottimo rendimento manifestato da Abate nelle ultime gare di campionato. L’attaccante gelese, abilissimo nel tenere palla e nel far salire alla squadra, continua a stentare in zona-gol e il palo colpito nella gara di giovedì testimonia una scarsa precisione al tiro.
Strada facendo il Gela alimenta l’entusiasmo della tifoseria, e per la dirigenza aumentano le possibilità di regalare un impresa ai propri supporters, motivo per cui un piccolo sforzo economico in sede di mercato potrebbe ulteriormente irrorare le speranze nutrite in un salto di categoria. Neanche il tempo di poter crogiolarsi sugli allori per il successo maturato sul rabberciato Melfi (sceso in campo privo di sette titolari), che già bisogna recuperare la giusta concentrazione per poter affrontare degnamente il Giugliano, terzo in classifica dopo il passo falso compiuto nell’ultimo turno in casa contro il Ragusa.
Il sodalizio campano, la cui tifoseria è gemellata con quella gelese, punterà sullo straordinario duo d’attacco Pignalosa-Perna per violare nuovamente il Presti dopo il sonoro quattro a zero ottenuto nella passata stagione ai danni del Gela di Picone. Tre nuovi acquisti per il tecnico campano Porta: Vallefuoco (Bari), Flauto (ex-Palmese) e soprattutto il fantasista Mancino, proveniente dalla Ternana. Il Gela, che ha vinto all’andata al De Cristofaro, scenderà in campo con Comandatore, al rientro dopo la squalifica.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120