1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Una breve replica ad Antonio Corsello
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 17/10/2010 messa in rete alle 18:29:43
Una breve replica ad Antonio Corsello

Ringrazio Antonio Corsello per l'ampio e interessante articolo sulle "Feste religiose" ospitato dal "Corriere" della scorsa settimana e ispirato da un mio articolo precedente in cui, tra le altre cose, ponevo, come egli dice correttamente, «un nesso tra la depressione culturale ed economica delle nostre regioni e il permanere di discutibili tradizioni religiose appoggiate e finanziate da uomini politici interessati ad averne un ritorno elettorale».

Mi limito solo a precisare che nel mio articolo aggiungevo che si tratta di una tesi (peraltro non nuova: la sosteneva già Garibaldi, tanto per fare un nome) oggi corroborata da studi sulle nostre regioni effettuati con rigore scientifico anche da sociologi stranieri, e citavo un saggio ben preciso. Corsello poi mi consiglia di ammorbidire la mia "forte vena anticlericale", perché essa sarebbe "solo in parte giustificata". A questo proposito mi piacerebbe approfondire il discorso su questo giornale, non appena Corsello chiarisce in quali aspetti, a suo giudizio, il mio anticlericalismo sarebbe non giustificato. Per il momento mi limito a fare mio un passo di Ernesto Rossi (1897-1967), antifascista, membro del Partito d'Azione, coestensore con Altiero Spinelli del "Manifesto di Ventotene", anticlericale pugnace e tra i fondatori del Partito Radicale: «Io appartengo alla sparutissima schiera di coloro che credono ancora sia dovere di ogni uomo civile prendere la difesa dello Stato laico contro le ingerenze della Chiesa in Parlamento, nella scuola, nella pubblica amministrazione, e ritengono che quest’obiettivo sia, nel nostro paese, più importante di qualsiasi altro – politico, giuridico o economico – in quanto il suo conseguimento costituirebbe la premessa indispensabile per qualsiasi seria riforma di struttura: io sono, cioè, sulle posizioni di quello che la maggior parte degli esponenti della nostra sinistra democratica oggi definisce “vieto anticlericalismo” e “pregiudizio piccolo-borghese”».


Autore : Marco Trainito

» Altri articoli di Marco Trainito
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120