1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Fava (Sel) a Gela: «Non sono solo»
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 26/08/2012 messa in rete alle 18:26:08

Fava (Sel) a Gela: «Non sono solo»

All’Hotel Sileno, dove era annunciata una conferenza stampa, c’erano i responsabili provinciali di Ragusa e Caltanissetta di Sel (Sinistra ecologia libertà) a ricevere Claudio Fava (nella foto), candidato alla presidenza della Regione. C’erano anche Emanuele Amato, Saverio Di Blasi, Antonio Rinciani dell’esecutivo regionale di Sel e l’avvocato Francesco Castellana dell’esecutivo provinciale di Caltanissetta. Non deve avere scelto Gela a caso l’esponente di Sel che si candida alla presidenza della Regione Siciliana. Sicuramente un senso ce l’ha. La scelta di Gela, roccaforte dell’europarlamentare gelese Crocetta, vuole essere sicuramente una sfida ai big della politica facenti capo a Pd ed Udc, ma anche un modo incisivo per lanciare un messaggio alle frange indecise del Pd. Ancor prima della conferenza stampa, quando Fava è preso d’assedio dalle tv private, lancia subito una stilettata a dovere nei confronti di Crocetta. “Crocetta mi pare ormai un po’ sopra le righe nelle battute e nei comportamenti, qualche giorno fa, per esempio, si è fatto fotografare con un uomo di Lombardo arrestato per concussione e poi è andato tranquillamente a cena con gli imprenditori Mollica, condannati per bancarotta fraudolenta. Come dire: predica codici etici ma pratica gli inquisiti”. Gli viene chiesto cosa di nuovo rappresenta la sua candidatura e come si sta muovendo.

"Ci sono al momento un paio di candidati – risponde – che esprimono con grande coerenza il sistema di affari di potere che ha gestito la Sicilia fino ad ieri, Miccichè e Crocetta, che rappresentano i partiti che hanno avuto responsabilità gravi di governo in questi anni, da Forza Italia, all’Udc al partito di Lombardo. Noi ci stiamo muovendo con una proposta che stata sempre schietta, sincera, rigorosa e necessaria, ma soprattutto alternativa. Dire alternativa significa chiudere questa pagina ed aprirne un’altra e sicuramente non lo puoi fare intingendo nel calamaio degli anni passati. Hai bisogno di farlo dicendo al partito di Lombardo e di Cuffaro e a chi in questi anni ha mal governato questa terra, di mettersi da parte”. Rispondendo alle domande dei giornalisti sulla corsa solitaria delSel, Fava risponde che ci sono altre forze civili e di sinistra e probabilmente anche Italia dei valori, Rita Borsellino, ci sarà la Sicilia migliore che vuole cambiare la politica di questa terra. “Se vuoi cambiare – ha continuato facendo riferimento a Crocetta – non puoi andare col cappello in mano a cercare i voti da chiunque. E’ come dire che gli vanno bene i voti di tutti purchè ingrassino il suo bottino elettorale. Così non si cambia la storia della Sicilia”. Quando gli chiediamo di illustrarci un paio di temi portanti del suo programma, senza alcun esito mette subito al primo posto il lavoro. “Il lavoro – continua Fava – che non è un orazione o un appello, ma un impegno politico che passa anche attraverso una diversa attenzione alla spesa pubblica. Fare in modo che la qualità e la sobrietà della spesa diventino una parola d’ordine quotidiana nell’agenda della politica regionale. Fare in modo che si utilizzino anche per costruire lavoro le risorse che sono state messe a disposizione e sono state sprecate in Sicilia. Cominciamo a parlare dei venti miliardi di euro che l’Unione europea ha offerto e che non sono stati utilizzati dalla regione siciliana. Il lavoro vuol dire attenzione alla dignità del lavoro. Chi vuole azzerare questo passato e vuole voltare pagina, può fare la propria parte. O si sta col passato o si sta col futuro”. Le dichiarazioni di Fava trovano subito da parte di Crocetta una pronta replica: “Quando il candidato di Sel – risponde l’europarlamentare gelese - arriva a dire che sono il prolungamento di Cuffaro e Lombardo siamo all’assurdo. Non è la tessera di partito che fa il valore di un uomo, ma le sue scelte”.


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120