1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Il Gela riposa aspettando il Brindisi
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 22/03/2003 messa in rete alle 18:15:32

Il Gela riposa aspettando il Brindisi

Il letargo è terminato. Alla settima presenza in campionato con la maglia del Gela, il centravanti materano Albano si è finalmente sbloccato sottoporta siglando l’importante gol del pareggio ad Andria. Una rete di grande rilevanza sotto un duplice aspetto: da un lato il pupillo di Ruisi ha in pratica salvato la panchina del suo tecnico, probabilmente silurato in caso di sconfitta, mentre dall’altro lato il pari ottenuto in Puglia consente ai giallo-rossi di mantenere una tenue distanza dalla zona play-out, potendo così affrontare lo scorcio finale di stagione con una maggiore serenità nel gestire le gare decisive ai fini della salvezza. E inoltre lo stesso Ruisi, i tifosi, la dirigenza e gli addetti ai lavori confidano molto in una svolta psicologica proprio per il fragile Albano il quale, avendo rotto il ghiaccio con il gol, potrà d’ora in poi scendere in campo più tranquillo e con una maggiore convinzione nelle proprie qualità. Al di là dei singoli, è proprio il Gela come collettivo a mostrare una forte crescita e sembrerebbe che la brutta crisi patìta nelle ultime settimane stia scemando, alla luce delle ottime prestazioni sfoggiate da Cataldi e compagni contro Nocerina e Andria, le quali inducono a nutrire maggiore fiducia sul prosieguo della stagione. Soprattutto dal punto di vista atletico emerge chiaramente la crescita del complesso di Ruisi, i cui uomini non si limitano più ad inseguire e a rincorrere l’avversario ma al contrario, sorretti da una condizione fisica più che decente, riescono a contrastare efficacemente i propri antagonisti orchestrando azioni offensive caratterizzate da una certa velocità (vedi proprio il gol di Albano). Proprio ora che la squadra si mostrava in ripresa, giunge l’ultima sosta del torneo, utile a molte società per fare quadrato e organizzarsi al meglio in attesa del rush finale.

Come al solito in frangenti del genere gli allenatori si dividono in chi sostiene che la sosta comporti notevoli benefici alla propria compagine e chi, viceversa, ritiene che il turno di pausa arrechi un forte danno alla propria squadra attualmente al top della forma e pertanto in piena salute. Per il Gela la sosta probabilmente non ha molta rilevanza sotto l’aspetto atletico poiché al limite produce soltanto un lieve rallentamento alla crescita psico-fisica della squadra, e pertanto funge da elemento frenante nei confronti dell’undici di Ruisi che attualmente vorrebbe spaccare il mondo pur di assestarsi in classifica in una posizione più tranquilla. Probabilmente i benefici del turno di riposo superano di gran lunga gli effetti negativi, in quanto alcuni elementi del club gelese come Battaglia, Formisano, Scopelliti ed Erbini ne approfitteranno per recuperare la condizione fisica ottimale mentre Ruisi proverà a creare un maggiore feeling nei fraseggi tra Albano, Battaglia ed Erbini. Infine uno sguardo al calendario: restano sette incontri e il Gela giocherà quattro volte al Presti e tre volte in trasferta. La fase più difficile da superare è proprio quella successiva alla sosta: verranno affrontate al Presti il Brindisi (in crisi nelle ultime settimane e quasi senza stimoli) e l’ostico Giugliano, e tra le due sfide si pone la trasferta di Barcellona, in un derby che si preannuncia molto difficile per il Gela e sicuramente ben diverso dalla gara d’andata. In seguito è prevista la trasferta di Pozzuoli, un occasione da non lasciarsi sfuggire, l’incontro in casa con la Palmese, sfida-salvezza, e infine due gare che l’undici di Ruisi può sfruttare pienamente: la trasferta a Foggia con i pugliesi di Marino quasi sicuramente promossi, e in chiusura il derby casalingo con il Ragusa, che anch’esso probabilmente scenderà in campo privo di stimoli.
Un calendario dunque non proibitivo, ma da affrontare con concentrazione partita per partita, senza puntare esclusivamente sulle sfide con Puteolana, Palmese e Ragusa onde evitare cattive sorprese al termine della stagione. Domenica contro il Brindisi rientro del capitano Marco Comandatore(nella foto).


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120