1 2 3 4 5
Corriere di Gela | La memoria (pro)fonda di Luciano Vullo sugli orrori ad Auschwitz-Birkenau
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 02/05/2010 messa in rete alle 16:24:33
La memoria (pro)fonda di Luciano Vullo sugli orrori ad Auschwitz-Birkenau

Testo teatrale, ricostruzione storica, cronaca processuale: definizioni tutte possibili per un'opera rivolta ad una riflessione, mai banale e scontata, quanto, invece, legata ad accadimenti che hanno segnato un novecento, brutale e, per certi aspetti, decisamente arcaico.

Un giudice istruttore, un imputato, un ambiente asettico ed anonimo: è una parte del secolo breve descritto dal britannico, Eric Hobsbwm, in fondo, ad essere giudicato.

Auschwitz-Birkenau, luogo fisico ed al contempo, degenere, poiché immorali erano le condotte pianificate da un esercito ritenutosi, troppo facilmente, portatore di nuovi e “rivoluzionari” canoni d'azione e di esistenza. L'interrogato, nel testo redatto dall'autore, tal Heinrich Stillig, ma, in realtà, Herr Oswald Pohl, come da “Atti del Processo di Norimberga”, responsabile dell'Ufficio Amministrativo-Economico del campo di concentramento, quasi incapace di distaccarsi dall'inquadramento burocratico dell'esercito del Fuhrer, ripetendo una litania, costante, ed a tratti snervante, così si difende dalle accuse: “mi occupavo esclusivamente dell'Ufficio Amministrativo-Economico”.

Non un campo di concentramento, quello di Auschwitz-Birkenau, secondo l'imputato, ma un efficiente macchina produttiva: tutti i tratti, insomma, di una suddivisione del lavoro e della sua conseguenziale spersonalizzazione, basi fondamentali di precedenti disamine filosofiche e sociologiche.

Nessuna remora, completa assenza di rimorsi o sensi di colpa, “gli ordini dovevano essere eseguiti, e non era mio compito sindacare ordini superiori”.
Sotto di lui, intanto, anime di uomini, donne, bambini, si agitano, commentano, si lamentano, come giudici estranei ai codici ed alle leggi terrene, intendono imporre la loro volontà, soggiogata, in vita, dalla violenza militare e burocratica dei carnefici.

Luciano Vullo fotografa in “La memoria (pro) fonda” un evento, un fatto, a pieno titolo tra i paragrafi più influenti del secolo breve.
Scriveva Bertolt Brecht, “O Germania, udendo i discorsi che risuonano dalla tua casa si ride. Ma chiunque ti vede dà di piglio al coltello”.


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120