1 2 3 4 5
Corriere di Gela | La scomparsa di Orlandini, padre dell’archeologia a Gela
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 02/05/2010 messa in rete alle 16:22:21
La scomparsa di Orlandini, padre dell’archeologia a Gela

E’ morto all’età di 87 anni a Milano il prof. Piero Orlandini, una personalità di spicco nel mondo dell’archeologia legato al periodo d’oro degli scavi a Gela e della nascita del Museo nella nostra città.
Venne inviato nel 1951 dal Ministero dei Beni Culturali, perché era stato scoperto da Vincenzo Interlici – così correva voce – un antico teatro greco.

Si pensò subito al teatro, perché il tragediografo Eschilo morì nel IV sec. a. C. in questa città, che in quell’epoca era una colonia dell’antica Grecia.
Risultò poi che i numerosi conci arenari facevano parte dell’antica muraglia difensiva di Caposoprano voluta da Timoleonte. Con la scoperta dell’antica muraglia ben conservata intervenne l’on. Salvatore Aldisio, che fece finanziare la costruzione del Museo archeologico (inaugurato l’11 settembre 1958).

Gli archeologi Piero Orlandini, Dinu Adamasteanu e il Soprintendente alle Antichità Piero Griffo provvidero a fare liberare l’antica muraglia sepolta dalla sabbia.
Piero Orlandini venne nominato direttore del Museo di Gela e organizzò numerosi scavi nel nostro territorio.

Fu un periodo esaltante di ritrovamenti archeologici e di sistemazione dei “pezzi” nel nostro Museo. Orlandini pubblicò numerosi articoli sugli scavi e sui ritrovamenti sulla rivista “Kalos”.
Dopo la felice campagna di scavi nel nostro territorio (dal 1952 al 1968) e in altri centri della nostra provincia, il prof. Orlandini fu promosso Soprintendente alle Antichità per la Sicilia (1971) e professore ordinario di Archeologia e storia dell’arte greca all’università di Milano (dal 1972 al 1995).

Fu inoltre socio dell’Accademia dei Lincei e venne pure insignito di due medaglie d’oro al merito per la cultura.
La sua morte ha destato viva costernazione a Gela, dove il prof. Piero Orlandini ha lasciato un bel ricordo come pioniere dell’architettura locale.


Autore : Gino Alabiso

» Altri articoli di Gino Alabiso
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2019 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120