1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Bilancio ok
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 31/08/2008 messa in rete alle 15:53:22

Bilancio ok

In una settimana, Piano triennale delle opere pubbliche e bilancio di previsione per l’anno in corso. Un bel risultato per il Consiglio comunale, che quando vuole – e stavolta lo fortemente ha voluto – dimostra di poter e sapere esplicare il suo ruolo di indirizzo, indispensabile per la crescita economica e sociale della città.
“Da oggi in poi si governa col Consiglio comunale”. Queste le parole di esordio di una conferenza stampa convocata da Crocetta congiuntamente al presidente del Consiglio Giuseppe Di Dio ed ai capigruppo consiliari presso il suo ufficio, all’indomani dell’approvazione dello strumento finanziario. La voce un po’ afona per la stanchezza e qualche dispiacere del giorno prima, ma tutto sommato contento e pieno di energia per far sapere al mondo che il lavoro del Consiglio comunale è stato prezioso senza distinzione fra maggioranza ed opposizione. Tutti nel proprio cuore, tutti assieme per innescare nella nostra città una svolta epocale che vedrà Gela riscattata dal suo passato più nero. Si dovrà marciare assieme per conquistare posizioni di privilegio. Zona franca, piano regolatore da approvare saranno i prossimi passi che dovranno farsi marciando tutti sullo stesso binario, senza distinguere tra opposizione e maggioranza. Ed i capigruppo di Pdl (Gaetano Trainito), Sd (Nicolò Gennuso), i centristi (Grazio Trufolo), Pdci (Giovanna Cassarà) a dargli ragione, a dare il loro consenso e tutti ad auspicare questa svolta epocale che dovrebbe inaugurarsi proprio a partire dalla data importante in cui si è votato il bilancio. Peccato che mancava il capogruppo dell’Mpa Fortunato Ferracane, che per motivi legati alla sua professione di medico vi ha dovuto rinunciare. “A queste conferenze stampa congiunte – ci ha dichiarato il capogruppo Mpa da noi raggiunto telefonicamente – sono un po’ allergico. Preferisco manifestare le mie opinioni e confrontarmi nelle sedi appropriate come l’aula consiliare. Ritengo che contano le azioni politiche che vengono portate avanti da una compagine politica e non le esternazioni al di fuori delle sedi istituzionali. E’ un mio modo di pensare la politica. Credo più nel fare che nell’apparire”. Anche il presidente del consiglio comunale era visibilmente soddisfatto e sorridente. Anche lui non faceva che ringraziare continuamente tutti i consiglieri sottolineando che con la loro azione hanno fatto coincidere gli interessi della collettività con l’azione amministrativa portata avanti dalla giunta Crocetta.
La conferenza stampa ha voluto essere l’atto sanzionatorio di un evento, quello dell’approvazione del bilancio, che nella volontà o forse nel desiderio di tutte le componenti politiche dovrebbe segnare un nuovo corso. Potrebbe essere anche vero, solo che abbiamo rilevato più di una volta che nella storia di questa città esistono migliaia di interessi che spesso si scontrano e trovare la mediazione è impresa ardua. Comunque vanno apprezzate le buone intenzioni. Crocetta ha ricordato con rammarico le incomprensioni che hanno indotto il Consiglio a bocciare alcuni emendamenti al piano triennale presentati dalla giunta, ma non ha potuto nascondere la sua gioia per la sua approvazione in sede di discussione del bilancio. E’ stato sufficiente chiarire ogni aspetto tecnico di quegli emendamenti in sede di conferenza di capigruppo, e nel corso della discussione del bilancio perché ci si rendesse conto della bontà dell’azione amministrativa. “Devo dire con estrema chiarezza – ha affermato il primo cittadino – che la cosa più bella che ho registrato in questi due giorni intensi è stata l’approvazione degli emendamenti. Ho colto un clima nuovo, direi istituzionale, di collaborazione diffusa sulle questioni importanti. Non mi sfuggono gli atteggiamenti di grande collaborazione manifestata e una volontà nuova, che sarà mia cura coltivare per il futuro. Mi sono arrabbiato quando un assessore ha voluto difendere un suo capitolo di spesa rischiando di far precipitare le cose, come non ho gradito quella volontà di togliere risorse al Gela Calcio per trasferirle ad associazioni sportive minori. Grazie alla maggior parte del Consiglio che alla fine ha avuto un grande senso di responsabilità e alla fine ha difeso l’emendamento. Da oggi si governa col Consiglio”. Per Crocetta siamo sulla buona strada che porterà verso l’approvazione del nuovo Prg che segnerà per Gela una svolta epocale, la messa in moto dell’economia stagnate, nuovi posti di lavoro e sviluppo. Ed ecco annunciare che si formerà una delegazione di consiglieri che assieme a lui e parlamentari gelesi per andare a Roma a sollecitare che Gela sia dichiarata presto zona franca per rilanciare l’economia, la piccola e media impresa. “Siamo riusciti in due sedute – ha detto il presidente Peppe Di Dio – ad approvare il bilancio grazie alla sensibilità di tutto il Consiglio, che ha mostrato maturità e senso di responsabilità. Abbiamo voluto dare priorità ad alcuni settori per lenire i disagi della nostra comunità. Gli interventi nel sociale e per la riqualificazione di alcuni quartieri ne sono l’esempio. Un plauso va a tutti i consiglieri che si sono impegnati a operare senza pause, oltre gli steccati di partito e affinché la città si doti del necessario strumento finanziario”.

L’Aula penalizza il Gela Calcio

Esce penalizzato dal voto in aula il Gela Calcio, la società sportiva che in questo momento merita più attenzione di ogni altra per gli investimenti onerosi fatti per conquistare la promozione in 1ª Divisione. Con un emendamento presentato dal consigliere centrista Ferrara sono stati tolti 50 mila euro dei 200 che erano stati previsti per il progetto “Sport e Legalità” in favore del Gela Calcio. La cosa ha fatto andare su tutte le furie il presidente Tuccio, che – forse per questione di principio più che per effettive esigenze di cassa – ha bloccato per reazione ogni trattativa in corso per l’ulteriore potenziamento della squadra. L’Heraclea, retrocessa la scorsa stagione dalla B1 di volley, ha così ricevuto una sorta di premio speciale. L’Heraclea starebbe per comprare dal Barletta il titolo sportivo. Riavrà così la categoria persa sul campo. A bocca asciutta, invece, Eurotec (B2 volley) ed Enviroil (C1 di basket).


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo


I Vostri commenti
Non ho nulla da dire sull'articolo....perchè scritto da un mio insegnante, e quindi impeccabile.... ma come mai, quando sono stato io a parlare di politica, il mio articolo non è stato pubblicato ? Inoltre, a mio avviso, ci sono ben altri problemi da risolvere in questa città, senza comunque togliere nulla a nessuno, e considerando l'operato del Sindaco Crocetta il migliore della storia. Sarebbe bello poter esprimere certe idee, e spero di avere altre occasioni per farlo. Grazie. Marco Di Dio

Autore: Marco Di Dio
data: 02/09/2008
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120