1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Cantieri per l’occupazione, ecco gli interventi pubblici
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 14/04/2013 messa in rete alle 15:11:25
Cantieri per l’occupazione, ecco gli interventi pubblici

Conferenza stampa indetta giovedì scorso dall’assessore ai lavori pubblici Carmelo Casano per illustrare la mole di lavoro realizzata in fatto di interventi pubblici, risanamento, opere di riqualificazione e manutenzioni. Con l’ausilio di un pc sono stati mostrati alla stampa tutti i lavori realizzati evidenziando Si tratta di un lavoro che ha comportato non solo un impegno amministrativo, ma soprattutto tecnico ed operativo che ha coinvolto tecnici comunali come Rosario Condello a livello direttivo ed esecutivo con il coordinamento del dirigente ing. Nanni Costa. Non è stato facile mettere tutti insieme per portare avanti il lavoro con l’efficienza dovuta.

«Eppure – ha sottolineato Casano – scontrandomi spesso con i funzionari e gli stessi tecnici comunali, abbiamo ottenuto risultati insperati come si può notare dall’ampia documentazione cartacea e nel sito del Comune. Colgo l’occasione per ringraziare tutti per l’impegno dimostrato e se errori ci sono stati nell’allestimento delle opere, come è accaduto nei giorni scorsi per le strisce pedonali e le strisce blu, me ne scuso pubblicamente. Ma si è trattato di mero disguido a livello esecutivo da parte di qualche operaio inesperto. Posso affermare che già si è provveduto a correggere ogni inconveniente. Poi devo aggiungere che, pur avendo litigato col sindaco, naturalmente non per fatto personale, ma solo per ottenere più risorse e disponibilità per quel che riguarda il mio settore, mi ritengo moderatamente soddisfatto per avere raggiunto l’obiettivo finale».

– Assessore una conferenza stampa inaspettata che sottende qualcosa di importante? «In genere questa iniziativa la si fa a fine mandato. Vi si ricorre per fare pubblicità sui lavori svolti per prepararsi una campagna elettorale. Niente di tutto questo per quel che mi riguarda. Ma quella di oggi la definisco operazione trasparenza, in modo che i cittadini possano capire il buon lavoro fatto dal consiglio comunale nell’approvare i piani triennali in forma celere per consentire più speditamente di svolgere i lavori del mio settore».

– Quali altri interventi sono stati operati dal suo assessorato?

«Abbiamo riqualificato il quartiere attraversato dalla via Istria. Abbiamo anche completato un progetto che si riferisce al cimitero con cui abbiamo completato 630 loculi. Altri interventi possono essere visti nel sito del comune o in questo opuscoletto ricchissimo di fotografie predisposto dalla signora Trainito e dal geometra D’Arma cui va il mio ringraziamento. Immagini a confronto dove si evincono le differenze tra ciò che era prima dell’intervento ed il dopo. Tanti sono stati i sacrifici. Ormai c’è solo il ricordo dei momenti brutti, felicemente superati. Un momento brutto è stato ad esempio il furto delle caditoie costateci 190 mila euro che non ci hanno consentito di completare altre opere. Mi piace ricordare i lavori di riqualificazione in via generale Cascino che prima era poco praticabile; gli interventi per 150 mila euro nelle scuole e in particolar modo all’Istituto comprensivo Verga con l’eliminazione anche dell’amianto che era rimasto. Per la scuola elementare Pirandello stiamo andando avanti in base ad un progetto esecutivo Nei dépliant e nel sito del Comune, con assoluta trasparenza abbiamo inserito tutti progetti realizzati e quelli in itinere con l’elencazione degli importi. In proposito abbiamo un progetto di 2,9 milioni di euro per il lungomare. I fondi ci sono e speriamo che si sblocchino con la deroga al patto di stabilità».

Alla conferenza stampa c’erano numerosi consiglieri comunali, tra cui il vicecapogruppo Gulizzi, diversi dirigenti e tecnici, gli assessori Costa, La Boria, Ventura ed il sindaco Fasulo. «Questa amministrazione litiga tanto – ha detto il primo cittadino – e comunica poco. Abbiamo detto che i tempi e la nostra logica politica vuole essere quella di comunicare con i fatti, di parlare ed avviare discorsi basati sulla fiducia che è cresciuta giorno dopo giorno. Quello che stiamo mostrando oggi credo che sia un esempio di buona e sana amministrazione. Tutto questo fa il paio con un bilancio dove le risorse sono minime. Parlare di tutte queste opere che stiamo portando avanti , senza tenere conto dei finanziamenti che abbiamo avuto sui Pisu, Pist, ecc, e prossimi alla gara, sono fatti concreti. Preannuncio anche tutta una serie di lavori che partiranno a breve. E’ corretto parlare alla gente con atti concreti in un momento così difficile. Più avanti faremo un riscontro tra le cose fatte e tutto ciò che costituiva il programma della mia amministrazione».

«Questa è la quotidianeità – ha detto il dirigente Costa –. L’am-ministrazione ha avuto il coraggio di individuare delle scelte di gara che hanno dato la possibilità di evitare ricorsi. Non a caso possiamo dire che per la prima volta nel comune di Gela non c’è stato alcun ricorso per le gare espletate, a parte uno che abbiamo vinto addirittura con il rimborso delle spese. Ciò ha dimostrato come assieme all’amministrazione valutando correttamente gli atti, si possono accelerare le opere ed abbatterne i costi di realizzazione. Non ultimo, con la riqualificazione di Caposoprano siamo riusciti a fare con la stessa somma il doppio dei lavori. Credo che questa sia una scelta coraggiosa che l’amministrazione ha fatto e che fa sperare bene sull’accelerazione di tutti gli altri lavori».

– Sindaco, quale valenza attribuisce a questi lavori?

«Questi lavori significano anche occupazione. Io la definisco solo operazione di comunicazione. Credo che la città di Gela ha avuto il piacere e la fortuna di vedere partiti o che sono in procinto di partire i lavori all’interno della raffineria. Parliamo di 120 milioni di euro e di altri 40 milioni di euro con le autorizzazioni presentate. Abbiamo il porto con la Vas che va al Ministero per l’approvazione. Non si tratta di lavori di escavo. Ricordo ancor altri 7-8 appalti che vanno dalla piccola struttura in contrada Punte Vigne, Cabina elettrica e mare. Lavori, servizi ed occupazione che partiranno entro il 2013. Credo che il Comune di Gela ha dato un grande contributo in opere pubbliche non dimenticando il trasferimento del tribunale realizzato a tempo di record affrontando la fase di start-up con grande spesa ed efficienza».


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120