1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Gela, derby proibitivo
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 09/04/2011 messa in rete alle 15:04:17

Gela, derby proibitivo

Archiviata l'ultima sosta di campionato, è l'ora del rush finale che ci condurrà fino al termine della stagione regolare lungo le sei giornate che rimangono per completare il calendario. Sei appuntamenti a cui il Gela dovrà rispondere presente, prima di tutto. Sei gare, di cui tre davanti il proprio pubblico e tre fuori dalle mura amiche, che i biancazzurri dovranno affrontare all'arma bianca. A partire da questa domenica, ovviamente, con in programma il derby siciliano di Prima divisione Lega Pro tra il Gela – appunto - ed il Siracusa. Un derby tra le due, fra le più importanti, storiche colonie della Magna Grecia, senza però una degna cornice di pubblico. Sfuggono i motivi della limitazione del Casms nei confronti dei tifosi aretusei, i quali potranno recarsi al “Presti” solo se in possesso della famigerata «Tessera del Tifoso»: si vocifera siano in tutto un centinaio. Una limitazione che non ha riguardato, per fare un recentissimo esempio, i tifosi del Palermo tornati al “Cibali” dopo 4 anni la morte dell'ispettore Raciti. Non si capisce il perché di un tale divieto, che non ci fu all'andata e fu una festa dello sport sugli spalti del “De Simone”. Tra le due tifoserie, infatti, non ci sono stati episodi eclatanti che possano giustificare un tale provvedimento. Un peccato davvero, in senso assoluto.

In realtà, poi, domenica scorsa non proprio tutte hanno riposato. Anzi, nel girone B di Prima divisione Lega Pro si sono disputati due recuperi ed altrettanti scontri diretti che in un modo o nell'altro hanno riguardato da vicino le sorti del Gela. In uno di questi, accompagnato dal calore dei propri tifosi, il Siracusa ha battuto di misura il Foggia che ha “reclamato”, per usare un eufemismo, nei confronti dell'arbitro Barbiero, non nuovo a questo tipo di polemiche post-partita. Nell'altro, vittoria di misura anche della Cavese che ha sconfitto in casa il Barletta, rientrando nella lotta per la salvezza. Se da un lato, gli aretusei hanno raggiunto proprio il Foggia in sesta posizione (61 punti), a -4 dall'ultimo posto utile ai fini play-off (occupato da Juve Stabia e Taranto a quota 65), dall'altro la Cavese ha dimezzato le distanze ed è ora a (24 punti) -3 dall'ultimo posto utile ai fini play-out (occupato da Foligno e Viareggio a 27 punti) che evita la retrocessione diretta in Seconda divisione. Nel momento in cui scriviamo, peraltro, non sono state ufficializzate le penalizzazioni (le ultima da scontare in questo campionato) che dovrebbero subire Cosenza e Foligno deferite dalla Procura Federale su segnalazione della Covisoc. Il successo della Cavese, per tanti motivi data per spacciata fino a domenica scorsa, arriderebbe al Gela se la volessimo mettere sul piano della cabala, o se volete, sulla base della cosiddetta “legge dei grandi numeri”. Fino a 2 settimane fa, cioè, erano 3 le squadre a non aver ancora ottenuto il pieno della posta in palio a fine gara nel girone di ritorno: Cosenza, Cavese e Gela. Al Cosenza è toccato 2 domeniche fa ai danni proprio del Gela, mentre alla Cavese è toccato nel recupero di domenica. Per questa via, domenica prossima al “Presti” potrebbe essere la volta buona del club presieduto da Angelo Tuccio, ancora all'asciutto in quanto a vittorie dall'ultima giornata del girone d'andata.

Il Gela è letteralmente spuntato. Lo stesso Siracusa, del resto, non gode di grande salute in attacco in termini realizzativi, a fronte invece di una solida difesa. Il segno “under” nelle scommesse, insomma, appare il più probabile, nell'ambito di una sfida in cui a rompere eventualmente l'equilibrio sarà un episodio, benché un loro peso lo avranno certamente le motivazioni e l'approccio iniziale. Per il resto, sulla carta, classifica alla mano e considerate le pesanti assenze nel reparto offensivo del Gela, se c'è un favorito è il Siracusa. Il tecnico Ugolotti, a parte i soliti Mancosu, Cosa e Chiaria, rispetto alla partita di domenica scorsa, farà a meno solo di Bufalino, che ha realizzato il goal vittoria contro il Foggia, infortunandosi giusto nell'esultanza. Al suo posto, potrebbe essere schierato dall'inizio Corapi.

Dal canto suo, il Gela ed il suo tecnico Ammirata dovranno inventarsi qualcosa. Alle indisponibilità di Docente e Cunzi, si sono aggiunte quella di Carbonaro ed Avantaggiato, con Scopelliti e Zaminga che stringeranno i denti. In allerta gli eventuali sostituti Piano e Rabbeni. Ammirata è costretto, poiché non sembra avere alternative, al 4-4-1-1, con il giovane Saani a fare da pivot. Alle sue spalle, nel classico ruolo di trequartista fra le linee, agirà D'Anna. La vera scelta tecnica è però in difesa. Il tecnico palermitano lascerà in panchina Aliperta, spostando Petrassi sulla corsia di sinistra. A destra verrà impiegato Porcaro, con Cossentino e Cardinale centrali. Il fine, dichiarato, è quello di far salire questi tre saltatori nei calci piazzati, provando a sfruttare ogni occasione si presenterà, specie su corner, al riguardo. Queste le probabili formazioni. GELA (4-4-1-1): Nordi; Porcaro, Cossentino, Cardinale, Petrassi; Scopelliti, Zaminga, Giardina, Bigazzi; D'Anna; Saani. SIRACUSA (4-2-3-1): Baiocco; Lucenti, Moi, Ignoffo, Pasqualini; Spinelli, Giordano; Corapi, Abate, Mancino; Koffi. L'incontro sarà diretto da Emanuel Tidona di Torino, coadiuvato dagli assistenti Valentino Paiusco di Vicenza e Omar Gava di Conegliano.


Autore : Filippo Guzzardi

» Altri articoli di Filippo Guzzardi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120