1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Iniziative sociali e divisioni politiche
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 15/03/2009 messa in rete alle 15:00:28
Iniziative sociali e divisioni politiche

I festeggiamenti e le riflessioni per la ricorrenza dell'Otto Marzo, la virulenta crisi economica incombente sulla città, il possibile declassamento dell'azienda sanitaria “Vittorio Emanuele”. Simili eventi, privi in apparenza di un qualsiasi risvolto comune, costituiscono in realtà paradigmi di forte conflittualità politica.
Siffatta ricostruzione, ad un primo approccio più superficiale, potrebbe rivelarsi fallace, ma un'attenta disamina di taluni particolari consente, invero, di confermarla.
Appare opportuno, al fine di assicurare una comprensione adeguata descrivere l'insieme delle vicende attraverso un rigoroso ordine cronologico.
La riforma del sistema sanitario regionale rappresenta uno dei cardini del programma proposto dal governo Lombardo e sostenuto dall'assessore al ramo, il “tecnico” Massimo Russo, con lo scopo precipuo di ridurre drasticamente i costi, divenuti eccessivi e denunciati anche dallo stesso esecutivo nazionale.
L'assessore regionale alla sanità ha, così, strutturato un piano di rientro, ritenuto fondamentale per uscire da una situazione finanziaria drammatica, incentrato sulla diminuzione del numero di aziende ospedaliere, generando un rischio concreto per la sopravvivenza di quella gelese e della sua autonomia.
n presenza di una simile minaccia due deputati regionali della città, Miguel Donegani e Calogero Speziale, entrambi del Pd, sono divenuti parte attiva nell'intero dibattito, presentando proposte destinate ad escludere ogni ipotesi di declassamento della struttura ospedaliera locale: l'azione degli esponenti politici non ha avuto carattere unitario, bensì, in prosecuzione di un duello personale risalente alla campagna elettorale per le elezioni regionali, solo individuale.
Donegani, nuovo astro del Partito Democratico nisseno, vicino all'area dalemiana (come dimostra la sua adesione all'associazione-corrente politica ReD), ha depositato un emendamento al disegno di legge in discussione all'Ars, imperniato sulla peculiarità del territorio gelese, ove sussistono gravi rischi per la salute pubblica, causati dall'insediamento industriale, che renderebbe incongrua ogni scelta di dismissione dell'azienda sanitaria cittadina.
Speziale, storico personaggio del centro-sinistra siciliano ed attuale coordinatore provinciale democratico, non collocabile entro settori specifici dell'apparato di partito (e possibile candidato alle prossime elezioni europee), ha, invece, adottato un approccio diverso: prendendo spunto dagli indirizzi prospettati dalla maggioranza all'Ars, intenzionata ad attuare un piano teso a distinguere tra Aziende sanitarie, con sede presso il capoluogo di provincia, ed Aziende Ospedaliere, attualmente scevre da qualsiasi collocazione, ha indicato, in un proprio emendamento, quale sede naturale di quest’ultime quella del comune più popoloso dell'intera provincia (nel caso nisseno si tratterebbe proprio di Gela).
Il futuro di un'autonoma struttura ospedaliera si lega, così, ad un duello sempre più serrato tra due punte di vertice del partito attualmente guidato da Dario Franceschini. Le divergenze interne non interessano, però, il solo centro-sinistra, estendendosi, inoltre, all'opposizione di centro-destra in Consiglio Comunale.
Non costituisce oramai un arcano l'evidente contrapposizione tra PdL ed Udc, da una parte, ed Mpa, dall'altra, manifestatasi, in una sua ennesima “puntata”, negli scorsi giorni: l'oggetto della contesa è stato, in quest'occasione, il percorso da intraprendere per affrontare al meglio l'attuale crisi economica, pronta ad investire anche la nostra città.
Alla proposta dei capigruppo di PdL ed Udc (Trainito e Cirignotta) di convocare una seduta monotematica del Consiglio sulla questione si è repentinamente sovrapposta, quasi a volerla occultare, quella dei consiglieri dell'MpA, Paolo Muncivì e Terenziano Di Stefano, disposti a varare un progetto, denominato “Quarta settimana”, per il sostegno delle fasce più deboli, incentrato sulla sottoscrizione di intese con tutti gli esercenti disponibili ad attuare una sorta di calmiere dei prezzi proprio durante la quarta settimana di ogni mese, soglia spesso invalicabile per molte famiglie gelesi e non solo. Anche il centro-destra non sembra in grado di giungere ad una tregua interna, così anche la crisi economica può divenire fattore di scontro, in assenza di volontà condivise.
L'ultimo capitolo di una simile ricostruzione concerne proprio l'otto Marzo, festa delle donne, e le diverse iniziative orchestrate dalla Giunta Comunale e dal Consiglio: nella medesima data, infatti, ad opera di alcuni consiglieri comunali, in primis la rappresentante del Pdci, Giovanna Cassarà, si è svolto l'incontro dal titolo “Ambiente quello che le donne dicono”, con la presenza di personalità del mondo della scuola e della medicina e di altri consiglieri (fra questi Cafà di DeS, Greco e Trainito del PdL), in assenza, però, di rappresentanti della giunta comunale, fatto assai singolare per un incontro patrocinato dalla Presidenza del Consiglio Comunale; in contemporanea gli assenti all'incontro-dibattito svoltosi presso l'aula consiliare erano protagonisti di una cerimonia, dai connotati simbolici, celebrata presso la Porta della Pace, in omaggio a tutte le vittime della violenza di genere.
Da sottolineare come i principali fautori della manifestazione organizzata dalla Presidenza del Consiglio comunale siano sicuramente i più convinti oppositori, anche interni alla maggioranza di centro-sinistra, della giunta Crocetta, la quale, guarda caso, era completamente priva di rappresentanza per l'occasione, e protagonista, invece, di un altro evento, fissato, casualmente, alla medesima ora di quello dei “rivali”.
Le dinamiche politiche possono scaturire anche dall'esame di fatti in apparenza privi di una palese rilevanza.


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120