1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Operazione Carus Captivus
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 27/11/2010 messa in rete alle 14:47:38
Operazione Carus Captivus

A distanza di dodici anni, gli uomini della Squadra Mobile di Caltanissetta, coordinati da Giovanni Giudice, hanno arrestato di quattro persone, accusate del sequestro di un imprenditore edile avvenuto nel 1998 e di associazione a delinquere di stampo mafioso.

Il rapimento avvenne a Colonia e avrebbe fruttato almeno 100 mila marchi. Ad agire sarebbero stati uomini delle famiglie di cosa nostra nissena: i fermati sono i fratelli Gaspare ed Emanuele Greco, Massimo Emiliano Rizzo e Alessandro Emmanuello. Il sequestro dell'imprenditore avvenne in territorio tedesco, ma, stando agli investigatori, fu pianificato tra Gela e Niscemi, seguendo le direttive impartite da Alessandro Emmanuello. Inizialmente, il gruppo avrebbe preteso una somma superiore a quella successivamente incassata: 250 mila marchi a fronte dei 100 mila conseguiti. Mentre Massimo Emiliano Rizzo Ŕ stato arrestato a Niscemi, i fratelli Gaspare ed Emanuele Greco sono finiti in manette a Milano.

Per quanto concerne, invece, la posizione di Alessandro Emmanuello, tra i leader dell'omonima famiglia di cosa nostra gelese, i magistrati nisseni, che hanno seguito l'indagine, attendono il pronunciamento di un giudice tedesco: l'ex latitante, infatti, venne catturato proprio in Germania il 18 gennaio del 1999 e successivamente estradato in Italia, dove continua a scontare alcune condanne all'ergastolo all'interno del penitenziario di Viterbo.

Le indagini sono state favorite dalle confessioni di tre collaboratori di giustizia, i gelesi Nunzio Licata e Fortunato Ferracane e il niscemese Antonino Pitrolo. L'indagine confermerebbe, secondo gli inquirenti, il potere che i gruppi mafiosi nisseni avrebbero esercitato anche in Germania: diversi latitanti, soprattutto di cosa nostra gelese, sarebbero transitati in territorio tedesco. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip del Tribunale di Caltanissetta Alessandra Giunta.


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
Ń»░yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120