1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Le retate non finiscono mai
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 17/01/2010 messa in rete alle 14:38:43
Le retate non finiscono mai

“Focus” e “Family Market”, due denominazioni che poco hanno a che spartire con l'ambiente criminale, sono parse, al contrario, idonee alle forze dell'ordine allo scopo di caratterizzare due vaste operazioni condotte a Gela entro uno spazio temporale comprendente le notti del 10 ed 11 Gennaio.
Il nodo focale delle due indagini, tra le più complete dell'ultimo periodo, è di facile identificazione: la volontà di limitare drasticamente il business degli stupefacenti a Gela.
Con la caduta dell'esclusivo monopolio esercitato per decenni dai due gruppi criminali locali, cosa nostra e stidda, quella legata alle droghe, nel loro complesso, ha conquistato la vetta della speciale classifica delle attività illecite praticate nel comprensorio gelese, inducendo molteplici soggetti ad intraprendere una particolare ventura: quella finalizzata al suo controllo.
Nonostante i rilevanti apporti già garantiti, durante i mesi precedenti, da diverse azioni pianificate dagli inquirenti, il commercio di stupefacenti non ha mai perso il pericoloso fascino idoneo a generare un'evidente forza di attrazione anche nei confronti di individui estranei alla dimensione delinquenziale, incapaci di non farvisi ammagliare.
Potrebbe apparire veramente estemporaneo affermarlo, ma i dati di fatto non si prestano a particolari smentite: le cosche mafiose, a Gela, sono state detronizzate da un nugolo di famiglie, ben organizzate e in grado di mantenere una certa riservatezza nella gestione dell'affare, divenute, in breve tempo, “eroine” assolute dell'intero mercato, e ancor di più, della complessiva filiera: dalla fase di acquisto all'ingrosso a quella della vendita al minuto.
Il blitz “Focus”, condotto dal locale commissariato della Polizia di Stato, e giunto ad esito favorevole dopo un lungo periodo d'indagine, perdurato per circa due anni, ha imposto la chiusura di quella che aveva assunto tutti i connotati di vero centro direzionale dello spaccio nel quartiere “Villaggio Aldisio”, dove era stata avviata un' “impresa” efficiente e mai inattiva, tanto da assicurare ai propri clienti un costante servizio, fondato, quasi esclusivamente, intorno alla distribuzione di droghe leggere, marijuana ed hashish, spesso servite ai richiedenti direttamente dal balcone della propria dimora, grazie all'utilizzo di un banale cesto in plastica agganciato ad una lunga corda; era sufficiente pigiare il tasto collegato al citofono dell'abitazione per avere un'immediata risposta.
Questo commercio riusciva ad attrarre consumatori provenienti da ogni parte della città: era facile “farsi una storia” nei pressi dell'Oratorio San Domenico Savio, non solo citofonando al civico 116 di Via Giulio Siragusa, ma, ancora, riuscendo ad intercettare qualche giovane pusher del quartiere.
La vendita di droghe rappresentava l'apice degli interessi, ma non era il solo: alcuni membri della ristretta organizzazione erano assai abili nel trasformare armi da fuoco giocattolo in strumenti atti ad offendere, utilizzando materie prime, soprattutto metallo e ferro, spesso provenienti dall'interno dello stabilimento petrolchimico, e non si esclude che siano servite agli autori di taluni, tra i tanti, episodi intimidatori registratisi in città nell'ultimo periodo.
Se quella condotta dalla Polizia di Stato di Gela è riuscita a scardinare i virtuali lucchetti posti dall'organizzazione “casareccia” strutturata da un unico nucleo familiare, spalleggiato da noti frequentatori dell'orbita della bassa delinquenza cittadina, da Giovanni Palermo, fratello di Giuseppe, complice di Carmelo Barbieri, portavoce del clan Madonia, nel tentativo di sequestro orchestrato ai danni di due orafi veneti, i fratelli Bovo, arrestato proprio lo scorso anno a seguito dell'operazione “Atlantide-Mercurio”, a Crocifisso Di Gennaro, da ultimo coinvolto nel blitz “Zagara” destinato a destrutturare una vasta rete di fornitori di stupefacenti all'ingrosso, ed ex gestore di un bar sito in Via Venezia, quasi distrutto da un violento attentato dinamitardo, l'indagine “Family Market”, invece, si pone quale amplificazione della precedente, tanto da accertare l'esistenza di reti di traffico ancor più dilatate rispetto al semplice livello urbano.
Alcuni dei nomi elencati nella lunga lista fornita dal Nucleo della Guardia di Finanza di Gela sono mere ripetizione di quelli già indicati dal locale commissariato della Polizia di Stato, Crocifisso Di Gennaro, Giovanni Palermo, Giacomo Peritore, fornitore di cocaina, indelebili segni di un collegamento tra le due indagini, altri, viceversa, si legano agli obiettivi di precedenti inchieste.
La famiglia Peritore al gran completo, infatti, dopo aver monopolizzato l'attenzione degli inquirenti nei primi mesi dell'anno appena trascorso, determinando il blitz, “Mater Familias”, assurge nuovamente alle cronache, evidentemente incapace di rinunciare ad un affare fin troppo lucroso, certamente impossibile da sostituire con i semplici profitti generati da una semplice rivendita di indumenti intimi, gestita, prima dell'avvio di una lunga fase di complicanze giudiziarie, dalla capostipite, Concetta Lucchese, ritenuta dagli investigatori punto nevralgico del consesso delinquenziale.
A questa si sono aggiunte ulteriori congregazioni connesse fra loro da stretti rapporti di parentela: Concetta, Valentina e Crocifissa Liardo, Manuel, Vincenzo e Luciano Ieva, per tale ragione difficili da individuare e stanare nel compimento dei fatti.
Si può, dunque, parlare di una federazione composta da almeno tre diversi nuclei familiari in grado di coordinarsi al fine di acquisire la quota di maggioranza di una particolare società: la “stupefacenti s.p.a.”.
L'inchiesta “Family Market” ha così bloccato tale catena di montaggio, resa ancor più efficiente da rifornimenti spesso assicurati dai “grossisti” dell'Italia settentrionale, concentrati nelle zone di Brescia e Mantova, quest'ultima, peraltro, confermatasi nell'ultima decade tra le colonie gelesi più frequentate, si pensi ai recenti arresti di Orazio Razza e Giuseppe Nisellino, a quello di Luca Caltagirone, imprenditore gelese interessato dal blitz “Compendium”, a quelli molto più risalenti di Emanuele Barbuscia e Giuseppe Nocera.
In mancanza di un fitto sistema di welfare sociale alcune famiglie gelesi si rifugiano in un diverso “programma di tutela”: lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Per chiudere il conto, segnaliamo l’arresto operato dai Carabinieri di Gela nei confronti di uno spacciatore, 48 ore dopo la duplice operazione di Finanza e Polizia. A cadere nella rete dei militari dell’Arma, tale Mancuso Mario 18 anni, incensurato, ritenuto responsabile di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. E’ stato pizzicato a spacciare nella centralissima via Palazzi. Rosario Cauchi

Arresti Operazione Family Market (Finanza)

Luigi Agnello (50 anni, di Catania); Aurelio Areddia (38, di Gela); Donata Evelina Barbagallo (49, di Gela); Fabio Berti (35, di Catania, detenuto nel carcere di Palmi, Calabria); Modesto Bilardo (40, di Piazza Armerina, già agli arresti domiciliari); Riccardo Bilardo (37, di Piazza Armerina);
Crocifisso Di Gennaro (29, di Gela); Rosario Giacchi (41, di Gela); Alfio Di Marco (40, di Gela); Gianluca Fiore (26, di Catania); Giuseppe Giappone (57, di Palermo, già detenuto); Maurizio Giappone (33, di Palermo); Manuel Ieva (29, di Gela, già agli arresti domiciliari); Vincenzo Ieva (26 anni, di Gela); Concetta Liardo (38, di Gela); Concetta Lucchese (50, di Gela); Salvatore Mendola (54, di Palermo già detenuto); Luigi Mineo (44, di Aci Castello, già agli arresti domiciliari); Giovanni Palermo (52, di Gela); Benito Peritore (35, di Gela, già detenuto); Giacomo Peritore (32, di Gela, già detenuto); Maurizio Peritore (26, di Gela, già sorvegliato speciale);
Angelo Platania (35, di Catania, già affidato in prova ai servizi sociali); Davide Prados Ruiz (26, di Gela); Massimo Trainito (36, di Gela); Antonino Camiolo (26, di Gela); Paolo Gandini (29, di Castiglione delle Stiviere, Mn); Eddine Salah Kahlouch (29, marocchino residente a Castiglione delle Stiviere); Luigi Nenna (26 anni, di Torre del Greco, residente a Castiglione delle Stiviere); Francesco Onofrio (48, di Marcedeusa-Cz, residente a Castiglione delle Stiviere, già detenuto nel carcere di Fr); Leando Paterna (30, di Palermo, residente a Castiglione delle Stiviere e detenuto a Bg); Ignazio Cocchiara (34, di Niscemi); Ezio Paterna (25, di Palermo, residente a Montichiari-Bs). Sono stati invece sottoposti agli arresti domiciliari: Vincenzo Cannizzo (32, di Gela); Luciano Ieva (56, di Gela); Crocifissa Liardo (28i, di Gela).
L'ordine restrittivo non è stato infine notificato ad Antonino Centauro (50, di Catania, perchè si trova in Slovacchia), e a Valentina Liardo (25, di Gela, in quanto ha un figlio nato una settimana prima, 2 gennaio).

Arresti Operazione Focus (Polizia):

Di Gennaro Crocifisso (‘81); Peritore Giacomo (‘78, già in carcere); Celidonio Francesco (‘68, già in carcere); Cammalleri Roberto (‘71); Collodoro Francesco Domenico (‘72); Famà Salvatore (‘74); Caronia Francesco Claudio (‘67); Lauria Talio Giuseppe (‘71); Palermo Giovanni (‘68, affidato in prova al C.S.S.A di Caltanissetta presso la comunità terapeutica “Terra Promessa”); Bartoli Jlenia (‘87, arresti domiciliari); Vizzini Luca (‘85, arresti domiciliari).

Arresto operato dai Carabinieri

Mancuso Mario (anni 18, di Gela)


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120