1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Prova di forza per il Gela
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 08/11/2009 messa in rete alle 14:29:36

Prova di forza per il Gela

Incredulità unita ad entusiasmo alle stelle da un lato, imbarazzo dall'altro, sono ciò che il Gela ed il suo cammino travolgente, inevitabilmente, suscitano. A ferragosto, nessuno avrebbe puntato un centesimo di euro sul Gela capolista all'undicesima giornata: ripensandoci, oggi si stenta ancora a credere che ciò sia vero. Questa sana incredulità, accresce a dismisura l'entusiasmo tra i sostenitori biancazzurri, specie quelli (tanti) che hanno seguito da vicino, senza limitarsi a fare da spettatori, l'ennesima crisi estiva del calcio gelese. Con la vittoria per 2-0, senza troppi patemi, in casa dello stesso Manfredonia che al “Miramare” aveva costretto il Catanzaro al pari in extremis e che era tornato da Roma a testa alta sconfitto solo di misura dalla Cisco, il Gela si riprende lo scettro e sembra voler chiamare a corte un'intera città sportiva, solo pochi mesi dopo la grande delusione del 22 giugno.
Capitan D'Aiello e compagni hanno totalizzato 27 punti: tanti quanti il Cosenza all'undicesima giornata della scorsa stagione, finita poi come sappiamo. Sono 9 vittorie e 2 pareggi: imbattuti, con la miglior difesa di tutti i campionati professionistici e con Nordi che da ben 648 minuti non raccoglie la palla dal sacco. A fronte di ciò, è persino disarmante l'imbarazzo – nel senso positivo del termine – con cui staff societario e staff tecnico si trovano a commentare questi numeri. Sarà pure un anno di transizione per le note vicende accessorie al calcio in senso stretto (vedi impiantistica), sarà pure che il traguardo salvezza è sempre più vicino, sarà pure che la squadra gioca innanzitutto per divertirsi, lavorando sodo durante la settimana nella speranza di raccogliere i frutti domenica per domenica, senza guardare troppo la classifica: ma, l'identikit che ne esce fuori, a ben guardare, non collima con quello visto a Manfredonia, di una squadra autoritaria, motivata, perfettamente consapevole dei propri mezzi e che sa quel che vuole, gestendo al meglio il match tanto da rendere una trasferta difficile come quella pugliese, quasi alla stregua di un allegra scampagnata.
Non era agevole rispondere alle vittorie negli anticipi di Catanzaro e Cisco Roma, sapendo altresì che anche Cassino e Juve Stabia avrebbe potuto sfruttare il turno casalingo (come puntualmente avveratosi). Altamente indicativa, al riguardo, la circostanza che ha visto le prime sette della classifica tutte vincenti, ma di queste l'unica che giocava fuori casa era proprio il Gela. Per quanto detto, quello di domenica prossima è un appuntamento imperdibile per i tifosi biancazzurri: ci vorrebbe, davvero, il tutto esaurito come auspicato dalla dirigenza del sodalizio di via Venezia, con alla testa lo stesso presidente Tuccio. Trattasi di un incontro più che mai fondamentale, che può persino giungere a dare un significato più compiuto ad una stagione intera. Quella contro la Cisco, per dirla tutta, è una sfida ancor più importante di quella che, sempre al "Presti", vedrà il Gela ospitare il Catanzaro: non foss'altro perché viene prima. E' il primo vero esame da capolista. Il team romano, allenato da Beppe Incocciati, è un avversario temibile che proviene da una vittoria importante contro un avversario di un certo valore, quale il Brindisi, per 2-0 nonostante l'inferiorità numerica protrattasi per oltre 1 ora, a causa dell'espulsione del difensore centrale Doudou (gran bella coppia quella formata con Di Fiordo), che salterà il match contro il Gela (appiedato dal giudice sportivo per 2 turni). Con questa vittoria, la Cisco Roma porta a 10 i risultati utili consecutivi. Solidi in difesa (seconda solo a quella del Gela), con sole 4 reti incassate e con la porta di Ambrosi inviolata da 3 gare, i capitolini hanno sempre vinto in casa senza subire reti come il Gela al "Presti". Il distacco tra le due squadre si spiega col cammino leggermente più incerto dei laziali in trasferta, dove hanno pareggiato ben 4 delle 6 partite disputate, perdendone 1 e vincendone 1 altra. In bianco da 4 turni, il capocannoniere Ciofani regge quasi tutto il peso dell'attacco, sia sul piano realizzativo (9 delle 16 reti totali portano la sua firma) sia sul piano del gioco, fungendo da terminale offensivo con i vari Franchini, Babù e Bellè a supporto. Pur con un modulo variabile (prevalentemente il 4-2-3-1, stile Dominicali per intenderci) i biancorossi assomigliano ai biancazzurri nel concedere poco agli avversari, coprendo bene gli spazi e mantenendo corte le distanze tra i vari reparti.
Insomma, non sarà partita facile per il Gela. Lo sa bene Nicola Provenza che, non avendo squalificati di turno, si affiderà all'undici titolare con 2 punti interrogativi: il primo, oramai ricorrente nelle ultime settimane, riguarda l'esterno da affiancare a Pasca e Vianello, tra Criniti e Vigna; il secondo concerne il cuore della difesa con Geraldi che, scontato il turno di stop forzato per decisione del giudice sportivo, dovrebbe tornare a far coppia con D'Aiello, ma ci sarebbe anche da valutare l'ottima prova di Di Muro a Manfredonia.
Probabile formazione (4-3-3): Nordi; Scopelliti, Geraldi (Di Muro), D'Aiello, Memè; Zaminga, Schiavon, Cammarota; Vianello (nella foto), Pasca, Criniti (Vigna).


Autore : Filippo Guzzardi

» Altri articoli di Filippo Guzzardi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120