1 2 3 4 5
Corriere di Gela | E esplosero i colpi
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 07/03/2010 messa in rete alle 14:24:19
E esplosero i colpi

“Arrestatemi pure, tanto in carcere mi tratteranno da uomo di rispetto”, parole pronunciate solo lo scorso settembre non da un maggiorente del crimine, avvezzo agli ambienti carcerari, bensì da Alessandro Pellegrino, qualche ora prima fermato dagli agenti della Polizia di Stato di Gela insieme a Rocco Faraci: i due, pur se in sella ad uno scooter, maneggiavano un fucile già carico, solo una delle armi detenute dagli stessi in nascondigli ben individuati.

L'esordio di Pellegrino, ventenne figlio di Emanuele e fratello di Gianluca, entrambi detenuti per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, affiliati al clan di cosa nostra degli Emmanuello, sorprese anche gli inquirenti: tanta spavalderia non si ricordava dai tempi della guerra di mafia e delle “gesta” dei “carusi” affiliati ai clan in lotta.

Patteggiata la pena e scontato il soggiorno obbligatorio al di fuori del territorio gelese, Alessandro si è non solo ristabilito in città, ma ha rafforzato la personale leadership morale, fondata prevalentemente su di una “nomea” generatrice di timore e diffidenza nei coetanei e non solo.

Evidentemente, però, l'imposizione di una sua esclusiva regia sull'intero “set” criminale gelese non ha riscontrato solo consensi: i rampolli delle famiglie fautrici dei sanguinosi scontri degli anni '80 e '90, infatti, non accettano di buon grado un repentino declassamento sociale.

Fra questi, molto probabilmente, bisogna annoverare Emanuele Rocco Argenti, ventinove anni, figlio di uno dei trascinatori dell'omonimo gruppo criminale, aderente a cosa nostra, Gianni, ucciso nell'estate del 1988, all'apice del confronto apertosi con i pastori “stiddari”.

Via Palazzi, centro della movida gelese, soprattutto per gli adolescenti, e inesauribile bacino della domanda di stupefacenti, in prevalenza hashish e marijuana: di conseguenza territorio da colonizzare per gli “operatori” del settore.

A conclusione di un venerdì sera sempre assai prolifico per gli spacciatori della zona, le telecamere di sicurezza posizionate in quel tratto stradale riprendono una violenta rissa esplosa tra due giovani: si tratta proprio di Emanuele Rocco Argenti e Alessandro Pellegrino; sembra tutto finito in pochi minuti, ma l'onta non può di certo lavarsi così facilmente, almeno non per chi ha trascorso la sua breve esistenza nel “mito” del mafioso di rispetto.

L'offeso, spalleggiato da un sodale, Pietro Caruso, si reca innanzi all'ingresso dell'abitazione del rivale, il quale, intanto, spinto dai rumori, è già nei pressi del balcone: in pochi istanti una serie di pallettoni esplosi dal fucile impugnato dal “capo” lo travolge; il suo volto viene colpito in pieno ed ora rischia di perdere un occhio.

Argenti e Pellegrino, stando alle ricostruzioni poste in essere dagli investigatori, sarebbero due elementi essenziali per la “rifondazione” criminale gelese: con i “veri mafiosi” agli arresti o, spesso, “traditori”, poiché divenuti collaboratori di giustizia, i giovani non rimangono in posizioni di mera passività.

Lo stesso Emanuele Rocco Argenti detiene un'importante posizione nel campo dello spaccio di stupefacenti, il quartiere “Caposoprano” è divenuto, con l'andar del tempo, il suo personale posto di lavoro, tanto da indurlo ad atti di sopraffazione e prepotenza, come se nulla fosse: tanto lui è un Argenti e difficilmente qualcuno può sperare di sopravanzarlo.

I colpi di fucile ricevuti in pieno volto, talmente evidenti da lasciare tracce persino sulla caldaia posizionata proprio a qualche centimetro dal parapetto del balcone, e le ampie striscie di sangue sparse un po' ovunque sulla superficie dello stesso, erano immagini oramai desuete a Gela: simili scene non si riscontravano in città almeno da un decennio, quando, nell'estate del 1999, l'eclatante uccisione di Emanuele Trubia, sventrato dai colpi esplosi da un killer all'interno di una sala da barba, mise in ambasce l'intera comunità gelese, preoccupata dell'avvento di un nuovo anno zero nella guerra di mafia.

Il dilemma essenziale legato a questo fatto di sangue, e che tanto interessa gli investigatori, concerne la possibilità che lo stesso possa rappresentare non solo un regolamento di conti all'interno della dimensione dominata dalla manovalanza criminale, bensì un vero e proprio passo prodromico alla scalata dell'organigramma del clan Emmanuello, privo allo stato attuale di una vera e propria guida.

Sia gli Argenti che i Pellegrino, infatti, sono da sempre legati alla famiglia guidata, fino alla sua morte, da Daniele Emmanuello, e l' “inconveniente” insorto tra due membri di questi gruppi potrebbe costituire una sorta di miccia che per il bene di Gela sarà meglio disinnescare con previdenza.

Lo spaccio di sostanze stupefacenti e le estorsioni, anche di basso cabotaggio, a quanto pare, servono anche a delimitare il territorio, se non addirittura a dividerlo fra i rinascenti gruppi della malavita organizzata, non più impegnati a “spararsi contro” quanto, piuttosto, ad annunciare che loro non se ne sono mai andati da Gela: insomma, non c'è antimafia che tenga.

Gli arresti di Alessandro Pellegrino e di Pietro Caruso, intanto, sono stati convalidati dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Gela, Veronica Vaccaro: nonostante gli indagati non abbiamo fatto mancare una strenua difesa, tutta imperniata sull’assenza di ogni velleità di uccidere, il magistrato ha ritenuto opportuno confermare le misure restrittive della libertà personale; adesso i due verranno ospitati all'interno di quel luogo, il carcere, dove sono certi di “essere trattati da uomini di rispetto”.


Autore : Rosario Cauchi

» Altri articoli di Rosario Cauchi
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120