1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Solidarietà del Consiglio ai lavoratori dell’indotto dell’Eni
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 17/05/2003 messa in rete alle 13:20:40

Solidarietà del Consiglio ai lavoratori dell’indotto dell’Eni

Seduta straordinaria ed urgente del Consiglio comunale convocato per il 13 maggio nelle ore antimeridiane. Oggetto della discussione le scottanti problematiche legate all’indotto, con particolare riguardo alla Smim e le possibili vie di uscita. Si è trattato di una sessione allargata anche alle forze sociali e sindacali in previsione dell’incontro che il giorno dopo si sarebbe dovuto tenere a Roma al tavolo del sottosegretario al Lavoro Viespoli. All’assise cittadina ha partecipato anche il sindaco Crocetta che è stato molto duro nei confronti della politica di Eni ed ha denunciato con forza lo stato di colonialismo nel quale Gela è caduta.
Una dura critica nel corso degli interventi è provenuta dall’onorevole Speziale presente nella qualità di assessore coMunale, il quale ha rincarato la dose, sottolineando come questa città ha dato tanto in termini di produttività concorrendo ad incrementare il prodotto interno lordo della Regione ma ricevendo briciole in cambio. Anche per l’on. Morinello ci sono grosse responsabilità dell’Eni nello sfascio che si sta registrando nel nostro territorio. Nel corso del dibattito si è delineata la necessità di pervenire allo sciopero generale qualora dal tavolo romano si fosse usciti con un nulla di fatto. Sono stati registrati interventi molto incisivi dei consiglieri Italiano, Liardo e Giordano e dei sindacalisti Emanuele Scicolone, Silvio Ruggeri e Salvatore Licata.

In sintesi questi i punti per i quali i lavoratori e le forze sindacali si battono: bonifica del territorio fortemente inquinato per la presenza del Petrolchimico; maggiori investimenti sul piano della qualità, nel senso che essi debbano essere mirati a potenziare la sicurezza degli impianti; riqualificazione e potenziamento del polo metalmeccanico; assegnazione delle commesse senza alcuna discriminazione delle imprese e maestranze locali che garantiscano professionalità; creazione del polo energetico.
Al termine della seduta è stato approvato all’unanimità un ordine del giorno con il quale si invitano i deputati nazionali e regionali, nonché l’amministrazione comunale ad attivarsi urgentemente affinché l’Eni assicuri nel futuro che le commesse siano assegnate senza discriminazioni alle ditte locali.

Tra il pubblico c’era anche l’ing. Barbieri, massimo responsabile della Smim impianti, quasi a rassicurare gli operai in lotta, ma anche a sottolineare come tutto il malcontento potrebbe rientrare qualora la Smim prendesse l’appalto del gasdotto libico Intanto mentre in Consiglio comunale si svolgeva il dibattito e si tracciavano le linee di proposta da presentare al sottosegretario Viespoli, polizia e carabinieri tenevano sotto stretta sorveglianza le barricate sorte gli snodi stradali che portano al Petrolchimico. E questa volta oltre ai lavoratori in lotta c’erano anche mogli e figli per sostenere una causa di vita.


Autore : Nello Lombardo

» Altri articoli di Nello Lombardo
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2022 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120