1 2 3 4 5
Corriere di Gela | Gela, A Vibo per un sogno
Edizione online del Periodico settimanale di Attualità, Politica, Cultura, Sport a diffusione comprensoriale in edicola ogni sabato
notizia del 16/04/2007 messa in rete alle 13:06:04

Gela, A Vibo per un sogno

Il deludente rendimento avuto nel girone di ritorno non impedisce al Gela, a cinque giornate dalla conclusione del torneo, di sognare i play-off, essendo distaccato soltanto di tre punti dal quinto posto in classifica. Un rientro in grande stile nella zona che conta reso possibile dai demeriti delle antagoniste, anch’esse altalenanti sul piano dei risultati, e nel rush finale i ragazzi di Sanderra potranno vantare una maggiore spensieratezza avendo virtualmente acquisito, grazie alla striminzita vittoria ottenuta sul Rende, la permanenza nella categoria, allontanandosi in modo considerevole dalla zona play-out.
Escluse Benevento, Potenza e Lamezia, le quali sembrano possedere una marcia in più, per il quinto posto in classifica la lotta coinvolge ben cinque squadre, e tre di queste, Andria, Monopoli, e Val di Sangro hanno ultimamente rallentato e appaiono leggermente “cotte” sul piano atletico. Potrebbero dunque approfittarne il Catanzaro o proprio il Gela, poiché entrambe hanno attraversato una fase piuttosto negativa, e potrebbero firmare un finale di stagione in crescendo.
L’importante è crederci, ed è questo ciò che i tifosi gelesi, in rotta con la squadra, s’attendono dai propri beniamini, rei negli ultimi tempi d’aver assunto, specialmente nelle gare esterne, un atteggiamento morbido e passivo, lasciandosi sopraffare dagli avversari. Il calendario prevede nelle ultime cinque giornate tre trasferte difficili per Comandatore e compagni, dovendo sfidare due formazioni con l’acqua alla gola (Vibonese e Pro Vasto) e la capolista Sorrento all’ultima giornata, nell’augurio che i campani abbiano già festeggiato la promozione e possano scendere in campo deconcentrati. In casa è previsto invece uno scontro-diretto, con l’Andria, e un impegno anch’esso difficile, ma non insormontabile, contro il Celano.
Il problema principale risiede nelle gare esterne, perché il Gela, nell’arco del campionato, al Presti quasi sempre si è fatto valere nei confronti dell’avversario, e soprattutto la prossima trasferta di Vibo Valentia potrebbe essere decisiva per l’obiettivo play-off. S’attende un’ottima prestazione dei biancazzurri, per una serie di ragioni: devono riconquistare la fiducia dei tifosi della curva, i quali hanno scioperato nell’ultimo impegno con il Rende, perché scottati dalla batosta di Monopoli; la salvezza è stata praticamente conquistata e quindi tale fardello non pesa più nella psiche degli atleti; la squadra inoltre comincia a mostrare buone giocate in fase offensiva, e alcune mosse tattiche o altri fattori (l’arretramento di Comandatore in difesa, il rientro di Omolade) potrebbero aiutare il Gela nel finale di stagione.
I dubbi invece si riferiscono ai cali psico-fisici che gli uomini di Sanderra patiscono nei finali di gara, basti pensare alla gara con il Rende con le tante occasioni da gol concesse agli avversari e sventate da un ottimo Recchi, e qualche perplessità è suscitata dal modulo che intende adottare il tecnico in Calabria, poiché riproporre lo schieramento con un'unica punta provocherebbe una nuova frattura con la tifoseria e rischierebbe d’infastidire anche la dirigenza. Ormai salvo, il Gela dovrà giocarsi la posta in palio a Vibo senza sbilanciarsi troppo, ma con l’intento di aggredire l’avversario sin dal primo minuto, lasciando a casa quella paura di subire il gol che ha contraddistinto il Gela in trasferta. Occorre tuttavia tener sempre in gran considerazione l’avversario, il quale, al di là dell’esigenza di successo ai fini della salvezza, è in gran forma e ha recuperato tutti i giocatori-cardine infortunatisi, alcuni per lunghi periodi, nel corso del torneo.
Una Vibonese rigenerata dall’arrivo dell’esperto e carismatico Di Somma, il Mazzone della C, subentrato un mese fa al posto di Zampollini, ancora una volta esonerato tra i professionisti. Con l’ex-tecnico di Gela e Vittoria i calabresi avevano conquistato solo sei punti nelle prime otto giornate del girone di ritorno, con l’avvento di Di Somma hanno festeggiato tre successi nelle ultime quattro gare, battendo Benevento, Catanzaro e Melfi. Se a ciò aggiungiamo l’ambiente abbastanza focoso che il Gela dovrebbe trovare a Vibo Valentia, non sarà facile per Ceccarelli e compagni uscire indenni dal campo ospite, ma in caso di sconfitta i tifosi si aspettano quantomeno un uscita a testa alta, dopo aver pienamente onorato la sfida sul piano della determinazione. Tre ex (Moschella, Catalucci, Quintoni) ed un gelese (Di Dio, rientrato nelle ultime settimane dopo un anno di assenza per infortunio) nella rosa calabrese. Sanderra dovrà rinunciare a due pedine importanti quali Corapi e Sapienza, entrambi squalificati, e se il secondo, decisivo nell’incontro con il Rende, sarà sostituito da Grando o da D’Aiello (schierato al centro con Fabbro spostato sulla fascia destra), l’assenza dell’esterno destro complica i piani del tecnico, mancando in panchina una valida alternativa. Vari i candidati alla sostituzione di Corapi: Costanzo, Berger, Parisi, ma nessuno sembra possedere quel mix di estro e velocità che appartiene al folletto catanzarese. Per Sanderra è una brutta gatta da pelare.


Autore : Paolo Cordaro

» Altri articoli di Paolo Cordaro
In Edicola
Newsletter
Registrati alla Newsletter Gratuita del Corriere di Gela per ricevere le ultime notizie direttamente sul vostro indirizzo di posta elettronica.

La mia Email è
 
Iscrivimi
cancellami
Cerca
Cerca le notizie nel nostro archivio.

Cerca  
 
 
Informa un Amico Informa un Amico
Stampa la Notizia Stampa la Notizia
Commenta la Notizia Commenta la Notizia
 
㯰yright 2003 - 2021 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120